Quagliarella, il bomber “anziano” che fa sognare la Genova blucerchiata

Pubblicato il autore: Alessandro Marini Segui

20-08-17 SAMPDORIA-BENEVENTO CAMPIONATO SERIE A TIM 17-18 FABIO QUAGLIARELLA GOAL 1-1 Minuto 85 di Sampdoria-Hellas Verona: Fabio Quagliarella segna su calcio di rigore il suo 17° gol in campionato, si avvicina sotto alla Gradinata Sud ma non riesce a salire inizialmente sul tabellone pubblicitario vicino alla sua curva. Si siede allora sul cartellone sorridendo sornione, poi si fa aiutare dai compagni accorsi a festeggiarlo ed infine sale finalmente su questo e riesce a prendersi la standing ovation strameritata del suo Marassi. Ci scherza su il numero 27, attraverso un post su Instagram: “Grazie per aver aiutato un ANZIANO a salire sui cartelloni“.

Grazie per aver aiutato un “ANZIANO” a salire sui cartelloni ???? #sampverona #FQ27 #seriea #forzasamp

Un post condiviso da Fabio Quagliarella (@fabioquagliarella27_official) in data:

Ironizza il bomber doriano, sa che quest’anno la sua Samp è una macchina quasi perfetta e sa pure che lui si giocherà fino alla fine la vetta e la conseguente vittoria della classifica dei cannonieri della Serie A. 17 gol in 23 presenze sono uno score straordinario, soprattutto se poi hai 35 anni e in molti ad inizio stagione nemmeno ti prendono in considerazione. I riflettori sono puntati tutti sui vari Immobile e  Icardi e sul solito Higuain, e molti si dimenticano con troppa facilità (e superficialità) del centravanti di Castellammare di Stabia. Che sta vivendo, sotto il profilo realizzativo, la sua miglior annata in carriera: il massimo, prima di quest’anno, erano stati 13 gol in una stagione (nel 2007 proprio con il Doria nella sua prima parentesi, nel 2009 con l’Udinese e infine nel 2015 con il Torino), solo a Chieti ma in Serie C aveva segnato così tanto (17 gol in 32 presenze, stagione 2003-2004). La cosa bella, poi, è che mancano ancora 14 partite al termine del campionato.

Leggi anche:  Juventus-Ferencvaros, la moviola del match: ecco tutti gli episodi dubbi

FABIO QUAGLIARELLA, GLI INCREDIBILI NUMERI DEL BOMBER BLUCERCHIATO –  Numeri impressionanti, se si considera anche il lavoro che Quagliarella, classe 1983, fa per la squadra, sia nel gioco aereo che con la manovra palla a terra. Colpiscono poi la sua costanza e il suo essere decisivo praticamente ogni domenica: dalla doppietta decisiva alla prima giornata contro il Benevento al gol di ieri pomeriggio su calcio di rigore, con i suoi gol Il Quaglia ha portato nella Genova blucerchiata 16 punti sui 41 conquistati fin qui. In più, poi, vanno aggiunti cinque assist decisivi. In pratica, facendo una semplice addizione, Quagliarella è entrato attivamente ed in maniera decisiva in 22 dei 44 gol della Samp in campionato: il 50%. Impressionante. La corsa all’Europa League (sicuri sia quello il reale obiettivo stagionale?) del club blucerchiato, dunque, passa anche e soprattutto dai piedi del bomber che un tempo faceva solo gol bellissimi e che invece oggi li fa in ogni modo: belli e brutti (anche se il gol non è mai brutto, sia chiaro), sporchi o su rigore. Mister Giampaolo se lo coccola e gongola in silenzio: sa che con un Quagliarella così nulla è precluso. Domanda finale al neo commissario tecnico della Nazionale Italiana pro tempore Gigi Di Biagio, ma soprattutto a chi verrà dopo di lui per far ripartire il progetto azzurro: sicuri che un Quagliarella così non possa servire anche alla nuova Italia?

  •   
  •  
  •  
  •