Under, Lucescu: “Gli ho consigliato di non lasciare la Roma neanche in prestito”

Pubblicato il autore: Carlo Edoardo Canepone Segui


Dopo quasi due mesi di inferno, la Roma è riuscita finalmente ad uscire momentaneamente dalla crisi di risultati con la vittoria di misura sul campo dell’Hellas Verona firmata da Cengiz Under. Il giovane turco, arrivato in estate per una cifra non indifferente, sta trovando continuità nelle ultime giornate e la sua crescita è sotto gli occhi di tutti. La Roma proverà ad aggrapparsi anche a lui per mettersi alle spalle il momento nero, ma c’è chi non si stupisce più di tanto per le prestazioni del “Dybala turco”. Stiamo parlando di Mircea Lucescu, attuale CT della Turchia, che ha confessato, in un’intervista al Corriere dello Sportdi aver avuto un ruolo importante nella scelta di Under di restare a Roma. Ecco le sue parole.

Leggi anche:  Lazio-Udinese, formazioni ufficiali: Immobile-Correa vs Pussetto-Forestieri

UNDER RESTA A ROMA PER MERITO DI LUCESCU – A gennaio si era vociferato della possibilità di lasciar partire il ragazzo per fargli fare le ossa in una piazza minore, perché considerato ancora acerbo per Roma. Under, alla fine, è rimasto, anche per merito di Lucescu: “Sono stato io a dirgli di tenere duro, di restare alla Roma e di non mollarla nemmeno in prestito. Ero sicuro che gli avrebbe fatto bene lavorare in Italia con un bravo allenatore come Di Francesco. Non appena ha capito un po’ la lingua e i meccanismi, ecco i risultati”.

PROBLEMI DI AMBIENTAMENTO – Ovviamente per un ragazzo appena 20enne non è mai facile ambientarsi subito lontano dal proprio Paese d’origine, altra lingua, altri costumi, un’altra mentalità calcistica. Già, perché il calcio italiano è forse il più tattico d’Europa: “Ha avuto coraggio ad allontanarsi da casa per un campionato tattico come quello italiano. L’esperienza lo farà maturare più velocemente. Tra di noi parliamo in italiano, così lo posso aiutare e credetemi se vi dico che lo comprende bene. Comincia anche a parlare un po’ e può solo migliorare”.

L’INVESTIMENTO IN ESTATE – Per lui, in estate, il ds giallorosso Monchi aveva investito una cifra pari a 15 milioni di euro e questo investimento potrebbe essere ripagato a breve se Under continuerà nel suo percorso di crescita: “Monchi ha fatto bene ad investire tutti quei soldi su di lui. Anche a Di Francesco ho consigliato di insistere su Cengiz perché le sue qualità, alla lunga, sarebbero venute fuori”.

I PARAGONI E LA NAZIONALE – Nella prima conferenza italiana, il giovane Under aveva risposto a chi gli faceva notare che il suo soprannome è quello di “Dybala turco”: “Mi ricorderete semplicemente come Cengiz”. E Lucescu è d’accordo: “Ricorda più Dybala o Douglas Costa? Non farei paragoni, ma Cengiz ha tutte le qualità che servono ad un calciatore: è rapido, aggressivo, ha un buon dribbling, ha un tiro importante e sente il gol. Se continua a seguire gli allenatori che lo guidano potrà fare una grande carriera. Io punto tantissimo su di lui per il futuro, sarà il pilastro della nuova nazionale turca. Mi auguro che continui a giocare con continuità e che continui ad affrontare avversari sempre diversi per abituarsi. Anche perché la Serie A non ti presenta mai una partita uguale all’altra…”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: