Milan-Inter: Yonghong Li in Italia, il presidente rossonero talismano per Gattuso?

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Yonghong Li è atterrato a Malpensa, ancora portafortuna per il Milan? Se in tribuna c’è lui allora i rossoneri sorridono. Vedremo se anche domani sera il presidente del Milan confermerà il ruolo di talismano. Yonghong Li è sbarcato questa mattina in Italia, a Malpensa, annunciando un bel “Forza Milan” ai giornalisti presenti. Il massimo dirigente rossonero ha avuto come match d’esordio proprio un derby. Lo scorso 15 aprile, due giorni dopo l’agognato closing, i rossoneri impattarono 2-2 con l’Inter. Un pareggio che ebbe il sapore di una vittoria visto che il gol di Zapata arrivò al 97esimo. Yonghong Li è tornato in Italia per il derby di Coppa Italia dello scorso 27 dicembre. Altra lunga sofferenza, premiata dal gol di Cutrone nei supplementari. Al di là del ruolo di portafortuna è sempre positivo vedere il presidente del Milan in Italia. Il fedele Han Li è onnipresente, ma la presenza fisica di Yonghong Li è sempre utile. Anche per placare le tante malignità su di lui e i suoi affari.

Leggi anche:  SKY o DAZN? Dove vedere Torino Sampdoria in streaming e in diretta tv, Serie A 9° giornata

Yonghong Li, manca la vittoria in un derby di campionato. Suning ha già avuto il piacere di vincere una stracittadina milanese. Nel match di andata i nerazzurri di Spalletti si imposero per 3-2 sui rossoneri di Montella. Decisivo Icardi, con una tripletta. Yonghong Li si è tolto lo sfizio di battere i cugini in Coppa Italia. In campionato però manca ancora il successo. Un pareggio e una sconfitta per ora il bilancio della nuova proprietà del Milan. Un nuovo ciclo che ha delle scadenze importanti davanti a sé. Fassone lavora senza sosta soprattutto sul fronte Elliott. Fino a domani sera conta solo il derby, poi si penserà a tutto il resto.

Yonghong Li, l’uomo del mistero che sta facendo rinascere il Milan

Yonghong Li, il Milan è nelle mani giuste. Ci vorranno ancora tanti mesi, forse anni, per capire se il club rossonero è nelle mani giuste. Silvio Berlusconi per il Milan ha sempre significato vittorie, campioni e fama. Yonghong Li il prossimo 9 maggio si giocherà la prima finale dell’era cinese rossonera. Il presidente è stato sempre difeso dall’interno del mondo milanista. Nessuno mai ha alzato la minima lamentela. “Gli stipendi arrivano in anticipi, i giocatori sono stati pagati prima rispetto alle scadenze”, Rino Gattuso ha cercato sempre di cementare l’operato di Yonghong Li.

Leggi anche:  LIVE Napoli-Roma 4-0: dominio azzurro al San Paolo

L’allenatore rossonero è sempre più il fulcro di Milanello. Esattamente tre mesi fa Ringhio faceva il suo esordio sulla panchina del Milan, contro il Benevento. Il beffardo pareggio, firmato da Brignoli, sembrava l’inizio di una stagione anonima. Gattuso e i suoi stanno provando a dare un senso al finale di campionato. Molto, se non tutto, passa per il derby contro l’Inter. Rossoneri e nerazzurri scenderanno in campo sapendo il risultato di Napoli-Roma e Lazio-Juventus. Al di là di quello che accadrà al San Paolo e all’Olimpico nel derby conta solo una cosa la vittoria. Yonghong Li-Gattuso, la partita doppia del Milan continua. Se saranno gli uomini giusti per far tornare grandi i rossoneri lo dirà il tempo, per ora i fatti sono dalla loro parte. E nella vita contano solo quelli. Il resto sono chiacchiere.

  •   
  •  
  •  
  •