Koulibaly, un gol che riapre la lotta scudetto: Allegri-Sarri sarà duello fino alla fine

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Koulibaly, un gol che può valere una stagione. La paura nella smorfia napoletana fa 90. E’ stato quello il minuto decisivo di uno Juventus-Napoli che può entrare nella storia del calcio italiano. I numeri prima di tutto, quello non mentono mai. Gli azzurri non vincevano a Torino da 9 anni e ora hanno un solo punto di svantaggio rispetto alla Juventus. Zero sono i tiri in porta che ha effettuato la Juventus, come quindi nulle sono state le parate di Reina. Uno, il minuto che è passato prima dell’infortunio di Chiellini, che potrebbe rivelarsi decisivo da qui al 20 maggio. Il successo del Napoli è stato meritato. La truppa di Sarri ha provato a vincere fino alla fine, trovando proprio nei minuti finali il gol decisivo di Koulibaly. Il senegalese è il terzo difensore a segnare nelle ultime due partite, sempre su corner calciato da Callejon. Un’altra arma degli azzurri, molto ben preparati da Sarri in quel frangente.

Leggi anche:  Lazio, Hoedt multato per il video sull'aereo biancoceleste

All’Allianz Stadium si è vista una brutta Juventus. Male l’attacco. Con Higuain isolato e Dybala evanescente. Deludente Douglas Costa, non incisivi Cuadrado e Mandzukic quando sono entrati. Allegri, per una volta,  ha sbagliato scelte iniziali e cambi in corsa. Scelte che apparivano discutibili all’inizio della partita e che poi si sono rivelate tali. A quattro giornate dalla fine i bianconeri hanno un solo punto di vantaggio, dovendo giocare con Inter e Roma fuori casa. In mezzo ci sarà anche la finale di Coppa Italia con il Milan, proprio prima dell’impegno con i giallorossi. Una  situazione decisamente complicata. Da sabato prossimo in poi ci sarà poco da difendere. La Juventus avrà bisogno di vincere fino a fine campionato. Sempre.

Koulibaly, un gol per la storia

Una vittoria attesa 9 anni. Tanto tempo è passato da quell’ottobre del 2008, quando gli azzurri sconfissero la Juventus per 3-2. Gli anni senza uno scudetto sono 28, questo fa capire quanto possa essere importante il gol di Koulibaly. Una capocciata prepotente che ha riaperto la lotta scudetto con la Juventus. Il Napoli ha giocato una partita da grande squadra, controllando il ritmo dall’inizio alla fine. Gli azzurri non hanno quasi mai sofferto. Solo un brivido, per il palo colpito da una punizione deviata di Pjanic.

Leggi anche:  Juventus-Ferencvaros, la moviola del match: ecco tutti gli episodi dubbi

Quattro giorni che hanno completamente capovolto il campionato di serie A. Mercoledì sera il Napoli ad un certo punto era a meno 9, oggi è ad un solo punto dalla Juventus. Fiorentina, Torino, Sampdoria e Crotone. Quattro partite da vincere, sperando che la Juventus perda ancora qualcosa per strada. Sarri ha vinto la partita con la sua idea di calcio, con i cambi fatti al momento giusto e con un calcio piazzato. Quest’ultima è la specialità del tecnico azzurro. Non è un caso che tre degli ultimi cinque gol segnati dal Napoli siano arrivati da palla inattiva. Ora ci sarà da gestire la grande euforia che si respirerà all’ombra del Vesuvio in questa settimana. Giorni che condurranno alla 35esima giornata. Sabato sera c’è Inter-Juventus, poi domenica alle 18 Fiorentina-Napoli. Una tappa che può essere decisiva per assegnare lo scudetto 2017/2018. Così come può essere ogni attimo trascorso in campo fino al 20 maggio. Un thrilling per cuori forti. Juventus-Napoli, il duello è ancora aperto.

  •   
  •  
  •  
  •