Napoli : il grande cuore degli azzurri tiene ancora viva la lotta scudetto

Pubblicato il autore: teros Segui

Ad una manciata di minuti dal fischio finale di Napoli-Chievo, l’Italia non bianconera si era irrimediabilmente rassegnata ad archiviare la stagione in corso con l’ennesimo successo della “vecchia signora”, ormai lanciata alla conquista del settimo alloro consecutivo, forte di un margine di vantaggio pressochè incolmabile sulla pattuglia dei ragazzi di Sarri.
Invece, l’ideale sceneggiatore delle trame della 32° giornata di campionato, come negli sviluppi di un sapiente thriller, ha riservato un imprevedibile colpo di scena che ha stravolto il destino apparentemente inesorabile della gara, regalando cinque minuti di calcio pirotecnico, che hanno sovvertito gli esiti di una sconfitta che sembrava già scritta, rivitalizzando le speranze del popolo partenopeo, ancora abbarbicato al sogno scudetto.
E’ accaduto qualcosa di impensabile, con gli azzurri capaci di ribaltare il risultato negli ultimi 360 secondi del match, prima con un delizioso colpo di testa ad incrociare di Milik, splendidamente servito da Insigne con una parabola millimetrica e poi con il gioiello balistico di Diawarà, che ha trovato un interno destro di rara precisione e perizia tecnica negli ultimi secondi di gioco, trasformando in un trionfo quella che appariva una disfatta irreparabile.

NAPLES, ITALY - DECEMBER 23: Players of SSC Napoli celebrate the 3-2 goal scored by Marek Hamsik during the Serie A match between SSC Napoli and UC Sampdoria at Stadio San Paolo on December 23, 2017 in Naples, Italy. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Foto Getty Images © selezionata da SuperNews

Una vittoria carica di significati, che alimenta ancora le speranze di rimonta della formazione di Sarri e tiene vivo l’interesse degli sportivi per una sfida al vertice che, a poche battute dalla conclusione dell’incontro, sembrava definitivamente chiusa.
Per una volta, più che per merito dell’efficace applicazione degli schemi di gioco disegnati dal tecnico toscano, il Napoli ha vinto la gara con il cuore, il carattere e gli attributi dei protagonisti meno attesi.
L’attaccante polacco, in particolare, in crescendo di condizione e di convinzione, ha dimostrato di rappresentare una significativa variabile di gioco nelle trame offensive della squadra, soprattutto quando il tridente leggero ( come nella gara di ieri ) si dimostra inefficace a scardinare la muraglia difensiva degli avversari e potrebbe davvero rivelarsi l’arma risolutiva nel finale di stagione.
Non vanno tuttavia trascurate alcune considerazioni realistiche sul prosieguo del campionato azzurro.
Il distacco dalla vetta rimane piuttosto ampio ( 4 punti ) ed il Napoli potrà ragionevolmente colmarlo solo compiendo l’impresa di superare gli attuali Campioni d’italia sul proprio terreno nello scontro diretto fissato allo Stadium tra due settimane e confidando che i bianconeri possano perdere ulteriore terreno nelle insidiose trasferte contro Roma ed Inter, entrambe pienamente in lizza per un piazzamento in Champions League.
A patto, comunque, che i partenopei, comunque apparsi in una condizione psico-fisica non ottimale, non accusino ulteriori battute d’arresto, come avvenuto recentemente contro il Sassuolo, e riescano a trovare le energie atletiche e, soprattutto, mentali per contendere fino all’ultima giornata il tricolore alla Juve, sicuramente più avvezza a gestire le tensioni di una sfida prolungata al vertice, anche perchè presumibilmente ormai non più condizionata dalle pressioni della Champions.
Ma, prima del big match di Torino, gli azzurri dovranno affrontare un test particolarmente impegnativo al Meazza contro il Milan di Gattuso, che ha letteralmente rigenerato le sorti della squadra rossonera, inanellando una significativa serie di risultati utili e conducendo la formazione meneghina a lottare per un posto utile in Europa League.
Il successo contro il Chievo ha sicuramente restituito serenità ed autostima all’ambiente partenopeo e conferito la giusta carica per affrontare una trasferta forse decisiva per gli esiti finali della stagione.
I tifosi azzurri sono ancora fiduciosi che possa essere l’anno giusto per sognare il terzo scudetto e rispolverano tutti i tradizionali riti scaramantici, sperando comunque che, a partire già da domenica prossima, il ” diavolo ” non ci metta la coda.

  •   
  •  
  •  
  •