Udinese-Sampdoria 1-0, tardiva la reazione blucerchiata. Solo Saponara riesce ad accendere la luce

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui
20-08-17 SAMPDORIA-BENEVENTO CAMPIONATO SERIE A TIM 17-18 FABIO QUAGLIARELLA GOAL 1-1

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Debutto desolante, quello della Sampdoria, che esce sconfitta dalla “Dacia Arena” di Udine per 1-0, decisiva la rete siglata da De Paul al 9′. Ciò che preoccupa maggiormente non è il ko in sé, considerando che sia soltanto l’inizio della stagione, quanto piuttosto la prestazione sfoderata dalla squadra, per nulla in linea con i dettami tattici imposti dal tecnico Marco Giampaolo.

Nella prima frazione di gara Audero più volte ha salvato il risultato sulle conclusioni dirette in porta di Lasagna e Machis, mentre la coppia centrale di difesa, composta da Andersen e Colley, alla prima uscita in A, non ha affatto convinto, propiziando svarioni da matita rossa. Più in generale la manovra di gioco è apparsa poco fluida e piuttosto farraginosa, subendo le iniziative dei padroni di casa, senza per nulla incidere in avanti. Nel secondo tempo, invece, il Doria ha tentato di reagire, rendendosi temibile con Defrel, fino ad allora alquanto impalpabile, attraverso una conclusione che ha scheggiato il palo.

La mossa che ha mutato l’atteggiamento dei blucerchiati è avvenuta al 59′ con l’ingresso sul terreno di gioco di Saponara al posto di un evanescente Ramirez. L’ex viola ha immediatamente preso in mano la squadra, fornendo assist impeccabili per i vari Linetty, Barreto, Kownacki, dando coraggio e maggior intraprendenza all’undici blucerchiato, apparso piuttosto intorpidito. Qualche occasione in più, in attacco, è stata creata, ma probabilmente il tutto si è materializzato un pò troppo tardi per potersi rimettere in carreggiata.

Domenica prossima, il Doria sarà impegnato tra le proprie mura amiche e ad attenderlo vi sarà un avversario affatto morbido, ossia quel Napoli guidato da Carlo Ancelotti, a punteggio pieno dopo due giornate di campionato e reduce da altrettante rimonte straordinarie al cospetto di compagini di livello, quali Lazio e Milan. Contro i partenopei occorrerà ammirare una Sampdoria più frizzante, maggiormente intraprendente ed attenta nel reparto difensivo, onde evitare di ripetere la prestazione scialba messa in mostra ad Udine.

Nel frattempo, il tecnico blucerchiato, Marco Giampaolo, ha così analizzato il ko rimediato alla “Dacia Arena“: “Usciamo sconfitti però l’Udinese ha vinto con una squadra che può  diventare forte in futuro. Abbiamo sofferto all’inizio una buona condizione dell’Udinese, una buona gamba, una buona copertura del campo e qualche ripartenza di troppo. Siamo stati bravi a rimanere attaccati alla partita, a non compromettere il risultato. La squadra mi è piaciuta nell’ultima mezz’ora perché non ha perso lucidità. Probabilmente avremmo meritato anche il pari. Anche se la sconfitta è fastidiosa, qualche attenuante l’avevamo, ma si riparte dall’atteggiamento del finale: la squadra non si è mai rassegnata alla sconfitta, proponendo calcio in maniera lucida“.

  •   
  •  
  •  
  •