Fascia Astori, polemica social: Marotta non scagli la prima pietra (non ne ha il diritto)

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
beppe-marotta-juventus-calciomercato

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Marotta, polemica social sulla fascia da capitano unica. Sembrava una decisione che sarebbe passata inosservata, o quasi. Invece con il passare dei giorni la polemica si sta gonfiando sempre di più. Stiamo parlando della decisione della Lega A di assegnare una fascia unica a tutti i 20 capitani del campionato. Una novità che non è andata bene subito bene a tutti. Il primo a scagliarsi contro questa decisione è stata il Papu Gomez, denunciando il fatto che il parere dei calciatori non viene mai preso in considerazione. Anche Daniele De Rossi ha trasgredito durante la prima giornata con il Torino, indossando la sua fascia personale. Il caso ha acquistato eco mediatico in Nazionale. La Fiorentina ha una fascia, bellissima tra l’altro, personalizzata per ricordare Davide Astori, scomparso lo scorso 4 marzo.

Leggi anche:  Inter-Cagliari 1-0, la decide Darmian. Un super Vicario non basta ai sardi

Il terzino viola Biraghi ha dichiarato:”Pagheremo le multe, la fascia per Davide non si tocca”. Sacrosanto. L’eco di queste parole è arrivato fino in Germania. La Bild ha pubblicato un articolo scrivendo che il calcio italiano ha ben altri problemi, che scegliere una fascia unica per tutti i capitani della Serie A. Dagli torto. Billy Costacurta ha parlato di regola sbagliata, da rivedere. Ma l’ex difensore del Milan ha invitato tutti al rispetto delle regole. Sulla sua stessa lunghezza d’onda Beppe Marotta. Il direttore generale della Juventus ha pubblicamente dichiarato che il caso verrà affrontato presto e di rispettare comunque le regole. Sui social si è scatenata una grande polemica. Molti tifosi hanno rinfacciato al dirigente juventino il fatto che i bianconeri ostentino dappertutto i 36 scudetti (34 + 2 revocati dopo Calciopoli). Chi ha ragione? Bella domanda.

Leggi anche:  Espulsione Ibrahimovic: Maresca verso la sospensione per la terza volta in stagione?

Marotta, chi è senza peccato…

Non c’è niente da fare, l’estate 2018 del calcio italiano continua all’insegna del veleno. L’ultimo caso è quello della fascia unica per tutti i capitani del campionato. Alla Lega A costava tanto ascoltare, per una volta tanto, il parere dei calciatori prima di rendere operativa questa decisione? La fascia è un oggetto a cui tanti giocatori sono affezionati e c’è da capire il loro punto di vista. In quanto a Marotta parlare di regole quando sui muri dell’Allianz Stadium campeggiano degli scudetti che sugli almanacchi non esistono, e non esisteranno, sembra a dir poco anacronistico.

Il dirigente della Juventus ha già avuto un’uscita poco felice in occasione della mancata assegnazione del premio di miglior giocatore europeo a Cristiano Ronaldo. Il portoghese l’ha perso, o non l’ha vinto, come giocatore del Real Madrid. Nel Real Madrid ha vinto quattro Champions League. Nel Real Madrid ha vinto quattro Palloni d’Oro. Nel Real Madrid ha segnato il gol dell’anno, proprio contro la Juventus. Ora certo CR7 è bianconero, ma a Marotta deve interessare quello che farà Cristiano Ronaldo da oggi in poi. Anche perché fino ad ora con la Juventus non ha fatto nulla di rilevante sul campo. Marotta stia attento perché la figura di padre putativo del calcio italiano può portare a deliri di onnipotenza piuttosto pericolosi. Per ulteriore informazioni chiedere ad un certo Luciano Moggi. Per il resto la Lega A faccia marcia indietro. La fascia di Astori non si tocca. Mancherebbe anche questo nell’acciaccato calcio italiano contemporaneo.

  •   
  •  
  •  
  •