Napoli, Re Camaleonte Ancelotti ha già cancellato Sarri: che sfida ora con la Juventus

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Carlo Ancelotti – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Ancelotti, camaleonte azzurro. 6 giornate di campionato disputate, 15 punti conquistati, 21 giocatori utilizzati e una squadra vincente. Questo oggi è il Napoli di Carlo Ancelotti. Da quando il tecnico emiliano ha optato per il 4-4-2, gli azzurri ha vinto tre partite su tre in campionato. Non solo, la difesa ha subito un solo gol. Su rigore, contro il Torino. In compenso Insigne e compagni hanno realizzato 7 gol. 4 dei quali realizzati proprio dal folletto azzurro, rinato con la cura-Ancelotti. Insigne ha abbandonato la sua zolla preferita e gioca molto più vicino alla porta. E i risultati sono sotto l’occhio di tutti. Se la traversa non l’avesse fermato avrebbe segnato anche con la Stella Rossa Belgrado, in Champions League. Ancelotti sta dando spazio a tutti i componenti della rosa. In attesa di Meret in porta si alternano Karnezis e Ospina.

In difesa Maksimovic è un giocatore ritrovato. Tanto che il serbo comincia a insidiare la titolarità finora indiscussa di Albiol. Contro il Parma ha debuttato anche Malcuit. Il terzino francese ha ben impressionato, non resta che vederlo contro avversari più consistenti dei gialloblu di D’Aversa. A sinistra si aspetta il ritorno di Ghoulam. Nell’attesa Mario Rui non lo fa rimpiangere. E Luperto può solo migliorare giocando. La vera svolta per Ancelotti è stata a centrocampo. Due giocatori a far schermo davanti alla difesa. Allan imprescindibile. Poi Hamsik, Diawara, Rog e anche Fabian Ruiz si alternano a seconda delle esigenze. Lo spagnolo con il Parma ha giocato largo a destra, con risultati più che buoni. Fondamentale Callejon. Anche lui può tirare il fiato. Soprattutto se c’è un elemento prezioso come Verdi. Senza dimenticare Ounas. I tifosi del Napoli si abituino. Il camaleonte Ancelotti cambierà ancora. Tanto.

Ancelotti, Insigne il nuovo Pirlo

Ha cambiato ruolo ad Andrea Pirlo, facendolo diventare uno dei miglior registi al mondo. Ha cambiato ruolo a Cristiano Ronaldo, facendogli vincere tutto. Sta cambiando ruolo a Lorenzo Insigne. Il folletto azzurro ormai aveva messo casa sulla fascia sinistra. Ma dopo le prime partite in stagione, Ancelotti ha capito che era arrivato il momento di cambiare. Insigne ha un grande fiuto del gol. Lo dimostrano le 4 reti messe a segno nelle ultime tre giornate di campionato. E’ lui ora l’uomo di riferimento per l’attacco del Napoli. Milik e Mertens, alla ricerca della migliore condizione, si alternano al suo fianco. Un cambiamento che può essere salutare anche in chiave Nazionale. Mancini starà apprezzando il “nuovo” Insigne e starà prendendo nota. Almeno è quello che si spera.

Ancelotti e il Napoli 2.0 sono pronti per il primo vero esame stagionale. Quello più duro, contro la Juventus campione d’Italia. La squadra di Allegri sembra una macchina perfetta. Sette vittorie su sette in questo inizio di stagione tra campionato e Champions League. Cristiano Ronaldo che comincia a ingranare. Una rosa che fa invidia alle grandi d’Europa. Ma il leader calmo sa di avere una squadra in grado di fare male all’armata Allegri. Sabato alle 18:30 ci sarà da divertirsi all’Allianz Stadium. Il camaleonte Carlo contro il generale Max. Il meglio che il calcio italiano può proporre oggi. Speriamo che nessuno provi a rovinare lo spettacolo. Nessuno.

  •   
  •  
  •  
  •