Roma, Totti: “La Juventus gioca un campionato a parte. Puntiamo al secondo posto”

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Scende in campo anche Francesco Totti. Stavolta, però, non nelle vesti di attaccante ma di dirigente chiamato a dare delle risposte dopo questo avvio di campionato non propriamente esaltante per la Roma di Eusebio Di Francesco. I giallorossi dopo aver ottenuto una vittoria, sul fotofinish, contro il Torino, hanno rimediato un sofferto 3-3, in rimonta, con l’Atalanta, per poi gettare la spugna, nella sfida di San Siro, al cospetto del Milan, negli istanti finali, per via di un gol di Cutrone al 95′.

Soprattutto in base a quanto ammirato nell’ultima apparizione dei capitolini, sono sorti degli interrogativi per quanto riguarda le gestione tattica di Di Francesco, il quale si è discostato dal suo marchio di fabbrica, ossia il 4-3-3, non trovando, però, le risposte da lui desiderate nei vari 4-2-3-1 oppure 3-4-1-2. A fare il punto della situazione ci ha pensato una bandiera in casa giallorossa, ossia Francesco Totti, il quale intervenendo su Roma Radio, emittente ufficiale della “Lupa“, ha espresso le sue considerazioni per quanto concerne il campionato e sul tipo di stagione che dovranno disputare i capitolini, ribadendo la massima fiducia e stima nei confronti del tecnico Di Francesco.

Questo un estratto dei passaggi principali pronunciati dall’ex numero dieci romanista: “Le chiacchiere da bar, giornalisti e tante altre cose le dobbiamo lasciare fuori da Trigoria. La realtà dei fatti la sappiamo noi ed è la cosa più importante. Il mister è uno dei più forti allenatori italiani, non si fa influenzare da nessuno, ha carattere e con il tempo dimostrerà il suo valore come ha già fatto l’anno scorso. La piazza di Roma è particolare, molto esigente ma tutti vogliono vincere. Dobbiamo stare vicini al mister soprattutto i tifosi, perché senza di loro non possiamo andare da nessuna parte. Dopo tre partite non si può giudicare un’annata, il mister saprà come rimediare a questa situazione“.

Spostando il focus sulla lotta scudetto, questo il Totti-pensiero: “La Juventus fa un campionato a parte, è inutile nasconderlo. Noi ce la giochiamo con Milan, Inter, Napoli e Lazio. E’ un secondo campionato, la Juve è fuori concorso, noi cerchiamo di arrivare tra il secondo e il quarto posto“.

Infine per quanto concerne alcune affermazioni, provenienti dai ritiri della nazionale olandese e della Repubblica Ceca, in cui sia Justin Kluivert che Patrick Schick pare abbiano lamentato il loro, sino ad ora, scarso utilizzo, Totti si ricorda di esser stato anch’egli un calciatore e difende i due giovani giallorossi: “Sono ragazzi ed è giusto vogliano giocare, vuol dire che apprezzano la Roma, è positiva questa cosa. Chiunque alla loro età vorrebbe giocare. Hanno detto la stessa cosa che avrei detto io a 18 anni. Ma dalle loro parole si estrapolano cose non dette, è un peccato perché sono ragazzi straordinari. Dispiace perché la gente legge e ascolta quello che scrivono, ma la verità la sappiamo noi“.

  •   
  •  
  •  
  •