Sassuolo-Empoli: 3-1. Prosegue imperterrita la favola dei neroverdi

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Sassuolo – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

E’ già da alcuni anni che si spendono parole di elogio nei confronti di Roberto De Zerbi, ma le sue precedenti esperienze in A, sulle panchine di Palermo e Benevento, non furono particolarmente indicative al fine di valutare le qualità di questo tecnico assai ambizioso. Ed invece, stavolta, l’allenatore bresciano, al timone del Sassuolo, sta palesando le sue caratteristiche, amalgamando un gruppo giovane, interessante e propositivo.

I neroverdi, che nell’anticipo della quinta giornata di serie A hanno superato l’Empoli con il punteggio di 3-1 salgono, momentaneamente, al secondo posto, a quota 10, detenendo lo scettro di miglior attacco del torneo con 12 centri all’attivo anche se va rivista la fase difensiva, in quanto gli 8 gol subiti dopo appena cinque gare rappresentino un dato ben poco confortante.

Nonostante ciò, la truppa di De Zerbi ha disputato un match in cui generosità, forza propulsiva ed intensità agonistica ne hanno fatto da padroni. I neroverdi dopo esser passati in svantaggio dopo appena 18” per via della rete messa a segno da Caputo, hanno riordinato le idee e con voglia spasmodica di riacciuffare le sorti della sfida, hanno agguantato il momentaneo pareggio con Boateng, al 13′, autore del suo terzo centro in campionato.

A seguire i padroni di casa hanno costruito manovre offensive, con un occhio, però, rivolto in difesa, considerando che l’Empoli non abbia affatto assunto gli abiti da vittima sacrificale. Nella ripresa, addirittura, i toscani hanno sfiorato il nuovo vantaggio attraverso una conclusione di La Gumina terminata di poco a lato, ma al 57′ è stato abile Ferrari nel capitalizzare, di testa, un corner a proprio favore. La svolta del match è avvenuta, poi, al 71′, con l’espulsione, per simulazione, di Zajc,  che ha spostato inevitabilmente l’ago della bilancia dalla parte degli emiliani, i quali hanno dimostrato una spiccata abilità nel rinchiudere nella propria metà campo gli avversari.

Fisicità a centrocampo e freschezza lungo le fasce, soprattutto quella di destra dove più volte ha tentato delle folate offensive Lirola, sono state le armi messe in mostra dal Sassuolo al fine di mettere al tappeto un intraprendente Empoli. Ed è proprio attraverso un’incursione dell’esterno spagnolo che è nata la rete del definitivo 3-1 messa a segno, all’85’, da  Di Francesco, protagonista di un pregevole colpo di tacco, suggellando, così, una settimana piuttosto complicata dopo quanto accaduto a Torino con lo sputo ricevuto da parte di Douglas Costa.

Sassuolo arrembante, Sassuolo coraggioso, il secondo posto non è frutto della casualità ma di una programmazione oculata, di una rosa costruita per nutrire ambizioni maggiori rispetto ad una comoda salvezza, ed è il risultato del lavoro, sin qui, svolto da De Zerbi che è riuscito a trasmettere il suo credo tattico ai calciatori a disposizione.

Intervistato, al termine della gara, queste le dichiarazioni principali rilasciate dall’allenatore neroverde: “Stiamo lavorando sul mantenimento della palla, sul fare noi la partita, ed è difficile quando trovi una squadra che vuole fare altrettanto. Abbiamo sofferto, ma è venuto fuori lo spirito dei ragazzi che hanno voluto la vittoria. Ce la siamo cercata anche se abbiamo avuto un pò di fortuna. Vincere senza avere fatto una buona prestazione ci ha fatto bene“. Infine risponde così in merito ad un paragone decisamente impegnativo: “Uno stile simile a quello del Barcellona? Non voglio troppe aspettative su questa squadra, perché sì, vogliamo divertirci, ma siamo giovani e abbiamo appena cominciato. Difenderemo la nostra posizione di classifica attuale, che però non ci compete, perché non è la nostra dimensione“.

  •   
  •  
  •  
  •