Chievo: ore contate per D’Anna. Iachini in rampa di lancio

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Emanuele Giaccherini – Foto Getty Images© per SuperNews

Chievo ultimo in classifica, a quota -1 per via della penalizzazione inflitta dal Tribunale Federale a causa delle plusvalenze fittizie, e con lo score poco edificante di 6 gol all’attivo e ben 19 subiti che la ergono a seconda peggior difesa del campionato, in questo caso solamente il Frosinone ha fatto peggio con 21 reti al passivo. I clivensi sono reduci da quattro ko consecutivi e non hanno mai conosciuto il sapore della vittoria in queste prime otto giornate disputate. Una situazione alquanto drammatica che rischia seriamente di scaturire uno scossone in panchina.

L’esonero di Lorenzo D’Anna è ormai ad un passo. Il tecnico gialloblù subentrò a Rolando Maran al fine di traghettare la compagine veneta nelle ultime tre giornate dello scorso campionato. Conquistata la permanenza in A, l’ex capitano dei gialloblù non sta ottenendo le medesime fortune in questo scorcio di stagione, complice una campagna acquisti estiva piuttosto timida per via delle incertezze inerenti le questioni extracampo, e le cessioni di Castro e Inglese non adeguatamente rimpiazzate. Inoltre, in base a quanto visto sino ad ora, la compagine veneta ha pagato a caro prezzo alcune assenze pesanti nell’arco di queste settimane e alcuni giovani schierati in campo, da Bani a Barba, passando per i vari Leris e Kiyine non sono apparsi pienamente affidabili in un palcoscenico ambito e di prestigio come quello della serie A.

Leggi anche:  Benevento-Sassuolo, decisiva l'autorete di Barba: i neroverdi tornano a vincere

Urge, quindi, un’immediata inversione di tendenza e come sovente accade, l’allenatore è il primo a pagare. In pole position per la panchina del Chievo vi è Beppe Iachini, tant’è che nell’arco del pomeriggio, la dirigenza gialloblù intensificherà i rapporti con il tecnico marchigiano al fine di strappare un sì. Iachini tornerebbe, così, a guidare la compagine clivense dopo la spettacolare promozione in serie A conquistata al termine del campionato 2007/2008 che vide il Chievo chiudere il torneo cadetto al primo posto. La stagione seguente, però, venne sollevato dall’incarico dopo appena 10 giornate, caratterizzate da un solo successo, tre pareggi e sei sconfitte.

Iachini nel corso di questi anni si è dimostrato un allenatore abile e preparato nel subentrare in corsa. Anche nello scorso campionato, ha risollevato le sorti del Sassuolo dopo un deludente avvio di stagione, issando i neroverdi sino all’undicesimo gradino. La situazione attuale del Chievo è a dir poco preoccupante, occorre innanzitutto scacciare via quel segno meno dalla casella dei punti conquistati, per poi prendere contatto con tutte le altre compagini invischiate nella lotta per non retrocedere. D’Anna ha oramai le ore contate, la soluzione Iachini appare essere quella più accreditata.

  •   
  •  
  •  
  •