Ciro Immobile: gol e assist contro il Parma, scacciata via l’opaca settimana azzurra

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Immobile; Milinkovic Savic – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Immobile risponde presente. E’ questa l’immagine principale che viene fuori dal pomeriggio del “Tardini” di Parma, con la Lazio che surclassa i ducali attraverso il punteggio di 0-2 grazie alla giornata di grazie dell’attaccante natio di Torre Annunziata. Immobile prima realizza, all’81’, il penalty concesso per fallo di Gagliolo su Berisha, ed infine, al 94′, serve il pregevole assist in occasione del raddoppio griffato da Correa. Con il gol messo a segno contro i gialloblù, Immobile sale a quota sei nella speciale classifica marcatori, agganciando il suo conterraneo Lorenzo Insigne.

Per il numero 17 biancoceleste si tratta della terza sfida di fila, in campionato, in cui va a segno, dopo aver trafitto le difese di Roma e Fiorentina. A seguito di questa vittoria, l’attaccante campano ha contribuito nello spingere la Lazio al quarto posto, con 18 punti all’attivo, ad una lunghezza di distanza dall’Inter terza e quattro dalla Roma inchiodata al settimo gradino. Dopo i ko contro i “cugini” giallorossi e i tedeschi dell’Eintracht Francoforte, gli “aquilotti” tornano a volare e lo fanno grazie alla ritrovata vena realizzativa di Immobile, ieri sceso in campo con rabbia agonistica e con tanta fame.

Leggi anche:  Calciomercato Inter: quale sarà il futuro di Stefano Sensi?

Ciro aveva voglia di smentire le critiche piovutegli addosso durante la scorsa settimana, quando con addosso la casacca della Nazionale italiana si è dovuto accontentare di un opaco scampolo di partita nell’amichevole contro l’Ucraina, per poi essere relegato in panchina nella sfida al cospetto della Polonia, con Mancini che ha preferito far scendere in campo Lasagna piuttosto che il bomber biancoceleste. Immobile si è inevitabilmente sentito messo da parte, al centro di critiche rivolte verso una Nazionale che segna poco, costretta a fare leva su un tridente inedito, impreziosito dalla presenza di Insigne nelle vesti di “falso nueve“.

Il numero 17 biancoceleste, quindi, ferito nell’orgoglio e consapevole di poter dare di più, ha sfoderato una prestazione brillante al “Tardini“, un misto di concretezza e rabbia, rabbia come la sua esultanza, un grido di gioia condito dall’abbraccio dei suoi compagni che hanno ribadito in quel modo, il massimo sostegno nei suoi confronti. La Lazio, ora, si appresta ad affrontare due gare decisamente temibili: la trasferta in terra francese, a Marsiglia, contro l’Olympique degli ex giallorossi Rudi Garcia e Kevin Strootman, e l’Inter all'”Olimpico“, galvanizzata dal fresco trionfo nel derby. In entrambe le circostanze ci vorrà il Ciro Immobile ammirato nella città ducale, al fine di rilanciare le quotazioni dei biancocelesti ed anche le sue, scacciando via, definitivamente, i fantasmi e le critiche di una settimana a tinte azzurre fosche.

  •   
  •  
  •  
  •