Mauro Icardi Re del derby, per l’argentino quinto gol al Milan

Pubblicato il autore: Francesco Pesce Segui

Atalanta – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

L’Inter si impone sul Milan, 1-0, grazie a un gol del solito, implacabile, Mauro Icardi, al secondo minuto di recupero quando ormai la partita sembrava destinata al pareggio.

Dopo la grande attesa ci si aspettava sicuramente una partita più spettacolare con i vari duelli a distanza tra Handanovic e Donnarumma, Perisic e Suso o tra Icardi e Higuain. Alla fine ne è uscita una sfida fisica,maschia, intensa in cui l’Inter nell’arco dei 90 minuti ha dimostrato maggiormente di voler vincere. I nerazzurri hanno raccolto 3 punti fondamentali per rimanere aggrappati alle posizioni di vertice della classifica e se ci sono riusciti devono ringraziare ancora una volta il proprio capitano argentino Mauro Icardi che con colpo di testa su assist di Vecino e con la complicità di Gigio Donnarumma ha fatto esultare il popolo interista al 93′ .

Leggi anche:  Calciomercato Inter: quale sarà il futuro di Stefano Sensi?

La truppa di Spalletti dopo questa vittoria potrà affrontare la difficilissima trasferta di Champions a Barcellona contro i blaugrana con maggior serenità e consapevolezza nei propri mezzi. Dall’altra faccia della medaglia invece si è visto un Milan con poca fame e poca grinta, caratteristiche tipiche del proprio allenatore Gennaro Gattuso. I rosso neri rispetto a diverse partite di questo inizio campionato non hanno espresso un bel calcio, sbagliando moltissimi disimpegni, soffrendo e non poco la fisicità dell’Inter. Gonzalo Higuain poco rifornito dai compagni, Suso poco ispirato e Donnarumma disastroso sul gol hanno poi fatto si che il derby finisse ai rivali cittadini.

A un anno di distanza dalla tripletta nel derby di andata dello scorso campionato, Mauro Icardi si conferma particolarmente prolifico nella stracittadina milanese. Con quello di ieri sono 5 i gol rifilati dall’argentino al Milan con un rigore sbagliato nella sfida dell’annata 2014-15.

  •   
  •  
  •  
  •