Empoli-Juventus: Cristiano Ronaldo trascina i bianconeri. La Vecchia Signora vola sempre più su

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Cristiano Ronaldo – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Anche l’ostico terreno di gioco del “Castellani” è stato espugnato. La missione è stata dura e complicata ma alla fine la banda guidata da Massimiliano Allegri ha avuto ragione su un Empoli ben organizzato tra i reparti e indomito. La prestazione sfoderata dai campioni d’Italia in carica è stata dal doppio volto: scialba nel primo tempo, coraggiosa e intraprendente nella ripresa. Nella prima frazione di gara, i bianconeri hanno creato rari pericoli dalle parti di Provedel, con i padroni di casa bravi ad applicare asfissianti marcature a uomo e a rallentare il prevedibile possesso palla degli ospiti.

Al 28′, poi, i toscani hanno capitalizzato al meglio una delle poche occasioni create nell’arco della gara, con Caputo che non ha lasciato scampo a Szczesny. Da sottolineare, in occasione del gol realizzato, la sgroppata sulla corsia di destra di Acquah, perseverante nella sua azione personale, a tal punto da far rimediare una figuraccia a Matuidi, apparso lento e in affanno nell’arginare tale iniziativa. La rete subita non ha risvegliato l’ardore della banda di Allegri che non è riuscita a pungere con i vari Ronaldo e Dybala, andando al riposo in una situazione di svantaggio per nulla prevedibile.

Leggi anche:  Buffon al Parma, il commento di Bargiggia: "Mi fa tristezza, la sua storia non ha senso"

Cambio di scena nella ripresa, con la Juventus ferita nell’orgoglio che inizia ad attaccare a testa bassa. Nell’arco di un minuto crea più di quanto costruito nei primi quarantacinque, con una conclusione di Alex Sandro respinta provvidenzialmente da Provedel e a seguire attraverso un tiro di Pjanic stampatosi sulla traversa.

Dal 54′ in poi sale in cattedra la stella del match, l’uomo più atteso: Cristiano Ronaldo. L’arbitro della gara, Gianpaolo Calvarese, decreta un penalty a favore della Juventus per un contrasto falloso di Bennacer su Dybala. Dagli undici metri si presenta CR7 che non sbaglia. Ristabilita la parità, i bianconeri mostrano una spiccata personalità e autorevolezza a tal punto da mettere alle corde un generoso Empoli.

Al 70′ avviene l’episodio che spaccherà la partita: Matuidi serve sulla trequarti Ronaldo, il quale getta uno sguardo verso la porta avversaria per poi lasciar partire un bolide imparabile, che cambia traiettoria durante la sua corsa per poi insaccarsi sotto l’incrocio dove Provedel non può arrivarci. Standing ovation per il pluridecorato calciatore portoghese, trascinatore di una Juventus cannibale che non vuol proprio sapere di perdere punti per strada.

Leggi anche:  Buffon al Parma, il commento di Bargiggia: "Mi fa tristezza, la sua storia non ha senso"

Il resto della sfida racconterà di un atteggiamento guardingo da parte degli ospiti, mentre i toscani tenteranno il forcing finale, con Allegri che abbandonerà la panchina per far ritorno nello spogliatoio cinque secondi prima che venisse calciata una punizione a favore degli azzurri. Troppo forte la tensione, troppo alta la posta in palio per rischiare di subire una beffa nel finale.

La Juventus, quindi, trionfa al “Castellani” e si issa a quota 28 in classifica, distante, momentaneamente, sette lunghezze dal Napoli, secondo, impegnato stasera contro la Roma. Miglior attacco del torneo con 21 centri all’attivo, la Vecchia Signora si coccola la sua star, ovvero Cristiano Ronaldo, che con la doppietta segnata ieri sera, la sua seconda in campionato, si porta a quota 7 gol in serie A, alle spalle di Piatek, leader nella speciale classifica marcatori.

  •   
  •  
  •  
  •