Empoli-Roma: senza strafare e con un pò d’affanno, i giallorossi espugano il “Castellani”

Pubblicato il autore: Lorenzo C

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

La Roma prosegue il suo trend positivo. I giallorossi espugnando con il punteggio di 0-2 il “Castellani” di Empoli, conquistano la terza vittoria consecutiva in campionato, dopo aver messo ko Frosinone e Lazio, issandosi, momentaneamente, al terzo posto con 14 punti all’attivo. La banda guidata da Di Francesco torna, così, a sorridere lontano dall'”Olimpico“, evento che non accadeva dallo scorso 19 agosto, in occasione del successo in casa del Torino, nella prima giornata di campionato. Dopo il ko di Bologna, i capitolini hanno avvertito una scossa, dando vita ad una reazione imponente e tangibile.

Nelle ultime quattro gare disputate, se contiamo anche quella in Champions League contro il Viktoria Plzen, Dzeko e compagni hanno realizzato ben 14 reti, subendone solo una. Numeri alquanto confortanti che testimoniano l’ottimo momento da parte della “Lupa“. Il cambio di modulo tattico, con il passaggio dal canonico 4-3-3 al 4-2-3-1, sta portando i frutti sperati. I giallorossi stanno palesando maggiore attenzione nella fase difensiva, per poi proporre un gioco convincente, in cui si mescolano alla perfezione muscoli e qualità.

Leggi anche:  Serie A, probabili formazioni Lazio-Atalanta: le scelte di Sarri e Gasperini

La sfida contro l’Empoli, però, è stata più dura del previsto. Nella prima frazione di gara sono stati pochi i pericoli da ambo le parti, con i capitolini abili nel capitalizzare al meglio una delle poche occasioni avute a disposizione, con il gol di Nzonzi, al 36′, impeccabile nello svettare di testa su cross da calcio di punizione battuto da Lorenzo Pellegrini. Nella ripresa, invece, i toscani hanno pigiato il piede sull’acceleratore, creando vari grattacapi alla retroguardia capitolina. Al 58′ Caputo ha avuto una grande chance a disposizione, dagli undici metri, a seguito del penalty concesso dall’arbitro Mazzoleni per un tocco con il braccio, all’interno dell’area, di Under. Il tiro, però, dell’attaccante empolese è terminato abbondantemente alto.

A seguire il numero 11 dei toscani è stato ripetutamente servito dai suoi compagni, sfiorando il gol del pareggio, in più occasioni, mettendo in mostra una veemenza ed un’intraprendenza che ha colto di sorpresa i più quotati avversari. Quasi allo scadere, però, la maggiore personalità ed esperienza dei giallorossi è salita in cattedra, materializzandosi con l’assist in verticale di El Shaarawy per Dzeko, il quale approfittando di un’incertezza di Maietta, non ha fallito l’appuntamento con il gol a tu per tu con Terracciano. L’attaccante bosniaco mette a segno, così, il suo quarto centro nelle ultime due sfide disputate, risolvendo una situazione che stava per farsi assai complicata.

Leggi anche:  Serie A, probabili formazioni Lecce-Roma: le scelte di Baroni e Mourinho

Contento per la vittoria ottenuta, senza lesinare elogi nei confronti dell’Empoli allenato dall’ex tecnico giallorosso Aurelio Andreazzoli, queste le parole pronunciate, al termine del match, da Eusebio Di Francesco:” Potevamo fare meglio, un buon primo tempo dove abbiamo gestito bene la palla, dando qualche ripartenza all’Empoli. Nel secondo tempo sono cresciuti, bisogna fare i complimenti a loro, hanno fatto bene e avrebbero meritato qualcosa in più”. Infine un giudizio su Luca Pellegrini, alla sua prima gara da titolare in A:” Deve continuare a lavorare con umiltà, ma ha grande consapevolezza. Non subisce questa categoria e per questo ha giocato. Non mi interessa l’età, ma qualcuno che ha le caratteristiche per farlo. L’ho cambiato perché ha avuto un problemino al polpaccio a fine primo tempo“.

  •   
  •  
  •  
  •