Formazioni Udinese-Napoli: Insigne out, giocano Milik e Mertens. De Paul e Lasagna in avanti per i friulani

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Dries Mertens – Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Match che si preannuncia combattuto e palpitante, quello che andrà in scena, questa sera, alle ore 20:30 alla “Dacia Arena“, tra i padroni di casa dell’Udinese e il Napoli. Gli azzurri giungono in terra friulana confortati dal secondo posto in classifica, a quota 18. I partenopei proveranno a migliorare il proprio rendimento lontano dal “San Paolo” dove fino ad ora hanno collezionato due vittorie ed altrettante sconfitte. Come dichiarato durante la consueta conferenza stampa della vigilia, Carlo Ancelotti ha annunciato le assenze per infortunio di Luperto, Ounas e soprattutto Insigne, quest’ultimo vittima di un affaticamento muscolare ma in via di recupero in vista della sfida suggestiva di mercoledì sera, in Champions League, contro il Paris Saint-Germain di Mbappé, Neymar e Cavani.

Leggi anche:  Calciomercato Inter: quale sarà il futuro di Stefano Sensi?

Ora, però, non bisognerà commettere l’errore di pensare all’impegno europeo, bensì occorrerà concentrarsi sull’Udinese, con gli azzurri che avranno il dovere di conquistare l’intera posta in palio al fine di restare lungo la scia della Juventus, facendo leva, in attacco, sulla ritrovata vena realizzativa di Dries Mertens, autore di un gol pregevole nell’amichevole tra Belgio e Olanda. Gli ultimi due precedenti in casa dell’Udinese sorridono ai partenopei che con Insigne, due anni fa, e Jorginho, nella passata stagione, sono riusciti ad espugnare un terreno di gioco, storicamente, ostico.

I friulani, invece, occupano il quindicesimo gradino in classifica con 8 punti all’attivo. Dopo un interessante avvio di stagione, la banda guidata dall’emergente Velazquez ha frenato notevolmente, rimediando tre ko consecutivi contro Lazio, Bologna e Juventus. Tra le proprie mura amiche, l’Udinese vanta una vittoria, un pareggio e due sconfitte, un ruolino di marcia, dunque, che va migliorato grazie al supporto di due calciatori di spicco presenti nell’undici titolare, ossia De Paul e Lasagna. L’argentino, fresco di convocazione con la nazionale albiceleste, ha siglato, sino ad ora, 4 reti in campionato, mostrando un feeling con la porta avversaria mai ammirato prima. L’attaccante italiano, invece, è reduce dall’assist decisivo in occasione della vittoria degli azzurri in casa della Polonia. Un momento magico, quindi, per il numero 15 bianconero, dal sapore di coronamento di un sogno.

Leggi anche:  Eriksen, l'agente racconta: "Christian non molla"

Dirottando le attenzioni sulle probabili formazioni che scenderanno in campo, Velazquez è intenzionato a confermare il 4-4-2 con Scuffet in porta, Stryger-Larsen esterno destro, Samir a sinistra. Centralmente agirà il duo formato da Nuytinck e Troost-Ekong. Fofana e Pussetto agiranno lungo le corsie laterali, mentre Behrami e Mandragora occuperanno la mediana. In avanti spazio al tandem De Paul-Lasagna. Modulo a specchio per

Carlo Ancelotti che si affiderà a Karnezis tra i pali, Malcuit a destra, Mario Rui a sinistra. La coppia centrale di difesa sarà formata da Albiol e Maksimovic. Callejon sfreccerà sul versante di destra, sulla sinistra Verdi. La mediana sarà presidiata da Allan e Hamsik, mentre in avanti spazio al duo Milik-Mertens. L’arbitro designato per dirigere il match è il signor Maurizio Mariani della sezione di Aprilia.

  •   
  •  
  •  
  •