Il Milan alza la testa. E’ Higuain il protagonista di San Siro

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Gonzalo Higuain – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Il Milan chiude con una vittoria, una settimana decisamente entusiasmante. Dopo il successo per 1-4 in casa del Sassuolo e il trionfo, in rimonta, in Europa League, contro l’Olympiacos, ad uscire con le ossa rotta da “San Siro” è il Chievo, costretto ad abdicare con il punteggio di 3-1. A seguito di questa vittoria, la banda guidata da Gennaro Gattuso sale al decimo posto a quota 12, con una gara ancora da recuperare, contro il Genoa, il prossimo 31 ottobre.

I rossoneri visti all’opera al cospetto dei clivensi hanno disputato un match inappuntabile. Il “diavolo” ha, sin dai primi istanti, imposto la propria superiorità tecnica e qualitativa, esaltando le doti del “pipitaHiguain, cannoniere infallibile. L’argentino ha messo a segno una doppietta contro i veneti, al 27′ e al 34′, in entrambe le occasioni innescato da Suso. Complessivamente sono quattro le reti realizzate dall’ex centravanti di Napoli e Juventus, sei se sommiamo anche i due gol siglati in Europa League contro Dudelange e Olympiacos.

Leggi anche:  Zlatan Ibrahimovic, nessuna violazione della zona rossa: ecco cosa è successo veramente

Nella ripresa, poi, con la rete di Bonaventura, al 56′, su tiro leggermente deviato da Rossettini, i rossoneri hanno messo in cassaforte l’intera posta in palio, affrontando questa sosta con il pieno di autostima e positività. Dal punto di vista difensivo, il Milan ha disputato una gara attenta, riducendo al lumicino le opportunità per un Chievo apparso in disarmo. Nel primo tempo un’occasione per Birsa e nella ripresa il gol realizzato dal redivivo Pellissier, al 63′, su incomprensione tra Zapata e Kessie, sono stati gli unici episodi in cui la difesa padrona di casa sia stata chiamata in causa. Per il resto, la banda guidata da “RinghioGattuso ha palesato determinazione e un indisturbato controllo del match.

Intervistato al termine della gara, queste le dichiarazioni principali rilasciate dall’allenatore rossonero, apparso decisamente soddisfatto dalla prestazione sciorinata dalla sua squadra, trascinata da un Higuain irresistibile:” Sicuramente le prestazioni non sono mai mancate, mancavano i tre punti. Da inizio stagione abbiamo sempre espresso un buon calcio. Higuain è un campione, un grande finalizzatore. E’ un ragazzo che si è messo a disposizione del gruppo, si fa volere bene dai suoi compagni. Ci manca un pò Hakan Calhanoglu, non è brillantissimo, non appena tornerà ai suoi livelli farà fare tanti gol al “pipita”“. Infine una considerazione ironica per quanto riguarda il derby della Madonnina, in programma domenica 21 ottobre, alla ripresa del campionato:” Da calciatore come mi preparavo in vista del derby? Meglio non dirlo, un disastro“.

  •   
  •  
  •  
  •