Il Napoli assedia la Roma ma alla fine è solo 1-1

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Dries Mertens – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Strano davvero il destino. Al “Parco dei Principi” un Napoli coraggioso, sfrontato ed intraprendente viene riacciuffato dal Psg al 94′ da una conclusione a giro di Di Maria. Ieri sera, invece, nella cornice del “San Paolo“, gli azzurri dopo una prestazione impetuosa e per molti versi impeccabile, riescono ad evitare un clamoroso ko contro la Roma, solamente al 90′, grazie ad un guizzo sotto porta di Mertens. Minuti finali, quindi, che tolgono, minuti finali che danno. Stavolta danno certezza ad una squadra, quella partenopea, che meritava molto di più del solo punto conquistato.

La banda guidata da Carlo Ancelotti, nell’arco del match, ha rischiato ben poche volte di capitolare, fatta eccezione per il gol inaspettato messo a segno dalla Roma, al 14′, da El Shaarawy. Dzeko ha tentato di mettere i brividi ad Ospina, ma ben poca cosa rispetto alla continua spinta propulsiva messa in atto dai padroni di casa che hanno dimostrato chiaramente di volersi ribellare al verdetto del campo.

Leggi anche:  Tutto fatto: ecco il nuovo allenatore del Tottenham!

Fabian Ruiz, Callejon, Insigne, il subentrante Mertens al posto di Milik, sono state spine nel fianco per la retroguardia giallorossa che ha faticato, e non poco, ad arginare la marea azzurra. Quando tutto lasciava presagire ad una sconfitta difficile da spiegare, ci ha pensato Mertens a togliere le castagne dal fuoco, mostrando una spiccata abilità nel capitalizzare al meglio un assist di Callejon, quando oramai il cronometro segnava il minuto 90.

Non è la prima volta che gli azzurri regalano una gioia sul fotofinish ai propri tifosi: era già accaduto nella sfida casalinga contro il Milan, quando all’80’, sempre Mertens, materializzò il sorpasso sulla squadra rossonera, con il Napoli in grado di sovvertire l’iniziale doppio svantaggio, senza dimenticare, inoltre,  cosa accadde lo scorso 3 ottobre, in Champions League, quando Insigne, al 90′, stese il Liverpool, dando vita ad un successo dal prestigio internazionale al cospetto di una big del calcio europeo. Un Napoli che lotta, combatte strenuamente e non si arrende mai. Indubbiamente qualcosa va migliorato in zona offensiva, con l’obiettivo di capitalizzare al meglio le opportunità create, ma dal punto di vista dell’atteggiamento e della personalità nulla può essere additato in negativo a Mertens e compagni.

Leggi anche:  Roma, al via l'accelerata per l'attaccante svedese

A seguito di questo pareggio, gli azzurri compiono un piccolo passo in avanti, raggiungendo quota 22, issandosi a sei punti di distanza dalla Juventus capolista. Mentre, tra campionato e Champions League, con l’1-1 contro la Roma, sale a cinque la striscia di risultati utili consecutivi, con i partenopei che tra le proprie mura amiche, in serie A, hanno inanellato quattro vittorie ed un solo pareggio, con lo score di 10 reti siglate e 3 subite, a testimonianza del buon andamento casalingo, interrotto solo parzialmente dal segno X venuto fuori ieri sera, che comunque non va ad intaccare la tenuta psicologica di un gruppo volitivo che possiede tutte le credenziali per togliersi importanti soddisfazioni nell’arco di questa stagione.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,