Inter, Icardi come Vieri: 103 gol in A con la maglia nerazzurra

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Mauro Icardi – Foto Getty Images© selezionata da SuperNewsA

La doppietta siglata da Mauro Icardi al “Paolo Mazza” di Ferrara, ha permesso alla compagine nerazzurra di superare i padroni di casa della Spal, e all’attaccante argentino di raggiungere un traguardo prestigioso dal punto di vista personale, ossia quello di aver realizzato 103 reti in serie A, con la maglia dell’Inter, eguagliando quanto compiuto da Christian Vieri, dal 1999 al 2005.

Icardi giunse presso la corte del club di Corso Vittorio Emanuele nell’estate del 2013, e fu subito amore con quei colori, e con i tifosi nerazzurri. Il suo primo centro con addosso la casacca interista avvenne il 14 settembre 2013, siglando la rete del momentaneo vantaggio nella sfida contro i rivali di sempre, ovvero la Juventus. Da lì in avanti fu un susseguirsi di gioie personali, con gol di destro, di sinistro, di testa, di rapina, su calcio di rigore, il titolo di capocannoniere conquistato al termine del campionato 2014/2015 e nella scorsa stagione, un numero elevato, quindi, di gioie personali, che lo hanno condotto a toccare quota 103 nella speciale classifica dei cannonieri interisti, al cui vertice vi è Giuseppe Meazza con 198 centri realizzati in serie A.

Leggi anche:  Quel giallo che pesa come un macigno: Romero contro la sua ex Juventus non ci sarà domenica

In questa stagione, dopo otto gare di campionato, Maurito ha timbrato in tre occasioni il cartellino: la prima volta, alla sesta giornata, attraverso un calcio di rigore che ha permesso all’Inter di spezzare l’equilibrio contro la Fiorentina, per poi conquistare l’intera posta in palio, seppur con sofferenza. Infine, come detto, la doppietta messa a segno domenica sera, risolvendo una sfida assai scorbutica contro una Spal coraggiosa, intraprendente e volitiva, capace di mettere fiato sul collo ai più quotati nerazzurri.

Spostando, invece, lo sguardo in Champions League, l’attaccante argentino si è rivelato un uomo decisivo nelle due sfide, sino ad ora affrontate, al cospetto di Tottenham e Psv Eindhoven. Contro gli Spurs, Icardi ha permesso alla truppa nerazzurra di acciuffare il pareggio, all’85’, fornendo coraggio ai suoi compagni, in vista del forcing finale che poi ha prodotto il gol vittoria di Vecino. Con gli olandesi, invece, si è reso protagonista nell’azione che ha propiziato la rete del provvisorio 1-1 siglato da Nainggolan, per poi imprimere la sua firma, al 60′, in occasione della rete che ha permesso alla banda guidata da Luciano Spalletti di issarsi al primo posto del girone B, a quota 6, in compagnia dei “marziani” del Barcellona.

Leggi anche:  Pasquale Bruno: "Ronaldo non sopporta più i suoi compagni. Chiellini? Vi spiego dove ha messo la dignità"

In attesa del derby di Milano, in programma domenica 21 ottobre, i tifosi interisti si godono un Mauro Icardi in stato di grazia, sempre più famelico e con la spiccata voglia di migliorarsi costantemente, mietendo record su record, provando a scalare posizioni all’interno di una classifica speciale che raggruppa i migliori attaccanti della storia nerazzurra, in cui l’argentino merita di stare per via delle sue spiccate doti da predatore d’area di rigore.

  •   
  •  
  •  
  •