Serie A, la Sampdoria mette le ali. La zona Champions non è lontana

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Sampdoria – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Ottimo avvio di campionato da parte della Sampdoria. I blucerchiati dopo otto giornate disputate, occupano il quinto posto con 14 punti all’attivo, distanti una sola lunghezza dalla Lazio quarta e con lo scettro, decisamente edificante, di miglior difesa del torneo con soli 4 gol subiti. La vittoria rimediata, ieri pomeriggio, all'”Atleti Azzurri d’Italia” contro l’Atalanta, per 0-1, grazie al colpo di testa di Tonelli al 76′, rappresenta il secondo successo stagionale lontano dal “Ferraris“, oltre che il terzo risultato utile consecutivo dopo il pareggio di Cagliari e il trionfo casalingo con la Spal.

Il match al cospetto degli orobici è stato assai duro e dispendioso dal punto di vista energetico. La Dea ha più volte bussato dalle parti di Audero, con i vari Gomez, Zapata, Hateboer, ma un pizzico di fortuna e l’abilità dell’estremo difensore doriano, hanno impedito ai padroni di casa di passare in vantaggio. La Samp, ovviamente, non è rimasta a guardare e con il duo avanzato composto da Quagliarella e Defrel, supportato da Caprari, fresco di convocazione in Nazionale, nel ruolo di trequartista, hanno mostrato vivacità dalle parti dell’area avversaria. Una sfida ostica, quindi, combattuta su ogni pallone da parte di due squadre che non avevano nessuna intenzione di lasciare punti per strada. La meglio l’ha avuta, però, la Samp,  grazie ad un’incursione area, su azione da calcio d’angolo, di Tonelli, ovvero uno di quei difensori con un feeling particolare con il gol.

Leggi anche:  Bel gioco o risultati? La classifica del possesso palla in Serie A: Juve, Napoli e Atalanta al top, l'Inter...

Ciò che sorprende in positivo da parte della banda guidata da Marco Giampaolo è la compattezza difensiva. In estate gli addii di Viviano, Silvestre e Ferrari sono stati adeguatamente sostituiti dagli arrivi di Audero, Tonelli e dal maggior impiego di Andersen, uomini che stanno manifestando una spiccata affidabilità. A centrocampo Ekdal sta mettendo al servizio della squadra la propria esperienza internazionale, godendo della piena fiducia da parte del tecnico doriano, che lo ebbe con sè ai tempi del Cagliari.

In attacco, poi, Quagliarella appare essere intramontabile, mentre Defrel, con 5 reti all’attivo, non sta facendo rimpiangere la partenza di Duvan Zapata, trasferitosi all’Atalanta e ancora fermo a quota zero centri in campionato. La Samp, quindi, gira a mille e la posizione nobile di classifica ne è la testimonianza tangibile. Abbassare la tensione sarebbe un errore madornale, così come compiere voli pindarici con la fantasia, ma è innegabile che quanto ammirato sino ad ora inviti i tifosi blucerchiati a sognare un piazzamento in Europa al termine di questa stagione.

Leggi anche:  L'avventura di Marcello Lippi all'Atalanta: tra contropiede, terzo posto e la UEFA mancata per un punto

Nel frattempo, intervistato al termine della gara contro l’Atalanta, queste le dichiarazioni rilasciate da un soddisfatto Marco Giampaolo:” Partita difficilissima in un campo ostico e contro un’Atalanta forte, è un risultato importante per noi. La classifica ci serve per credere in noi stessi ed aumentare l’autostima. Siamo stati bravi a tenere fisicamente in difesa. Il mercato? Io non incido. Zapata è stata un’opportunità per il club. Defrel era il profilo giusto per sostituirlo. Così come Ekdal che ha sostituito Torreira. Non dimentichiamoci dei calciatori che alleno da due anni però“.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: