Paolo Maldini al Festival dello Sport:” Il Milan non può solo partecipare, deve tornare competitivo in Italia e in Europa”

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Paolo Maldini – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Nella maestosa kermesse del Festival dello Sport, di Trento, è intervenuto, nella giornata di ieri, il direttore strategico dell’Area sport del Milan, Paolo Maldini, il quale durante un’intervista ha toccato vari argomenti riguardanti il club rossonero, svariando dagli obiettivi futuri da perseguire, al suo ruolo dirigenziale a stretto contatto con Leonardo e con la squadra, senza lesinare giudizi sul lavoro, sin qui, svolto da Gennaro Gattuso, dando adito, altresì, a qualche battuta sorniona sul prossimo innesto di mercato, ovvero il giovane brasiliano Paquetà.

Un Maldini a 360 gradi, quindi, voglioso di dare il massimo in questa nuova veste, riportando in alto quei colori rossoneri indossati con vanto, orgoglio e spiccato senso di appartenenza per 25 anni. Questi alcuni dei passaggi più interessanti rilasciati, nell’intervista fiume, dal dirigente milanista:” Al Milan devi avere chiaro che non devi solo partecipare, ma anche vincere. Il club deve tornare competitivo in Italia e in Europa. Io e Leo abbiamo un contratto di 3 anni, dobbiamo correre. Il derby? Anche l’anno scorso e due anni fa era bellissimo, ora che le squadre sono competitive è ancora più bello. L’idea di tutte e due le squadre è tornare in alto“. Su Paquetà:” Il mercato è chiuso fino al 3 gennaio (ride). E’ giovane, di talento, non è ancora pronto ma può far sognare i tifosi“.

Leggi anche:  Quel giallo che pesa come un macigno: Romero contro la sua ex Juventus non ci sarà domenica

In merito al ritorno al Milan, racconta :” Stavo lavorando all’ICC, mi ha chiamato Leonardo per dirmi che il Milan lo voleva, poi per 10 giorni abbiamo parlato, poi mi ha chiesto di tornare e ci siamo accordati subito. Io e lui ci dividiamo tutta l’area sportiva, è tanto. Non solo mercato, dobbiamo dare un senso di appartenenza importante“. Per quanto concerne la sua giornata tipo, Maldini svela:” Vado in ufficio alle 9:30, durante il mercato è un mondo a sé, poi grazie al cielo è iniziato il campionato e abbiamo potuto parlare con la squadra“. Infine un suo giudizio sul tecnico Gennaro Gattuso, ex compagno di squadra dalle mille battaglie, ed ora al timone della compagine rossonera:” Lui ha un grande senso di appartenenza che è quello che io e Leonardo vogliamo trasferire al Milan. L’immagine di Rino sta cambiando, prima era solo grinta, ora si vede una grande preparazione tecnico-tattica. Per questo ha tutta la nostra fiducia anche perchè ha anche un’altra dote: sa ascoltare“.

Leggi anche:  Pasquale Bruno: "Ronaldo non sopporta più i suoi compagni. Chiellini? Vi spiego dove ha messo la dignità"

Spostandoci sui temi provenienti dal campo, i rossoneri, ieri, hanno disputato un’amichevole in famiglia contro la squadra Primavera, vincendo per 4-0 grazie alle reti di Abate, Bertolacci e la doppietta del giovane Tsadjout. Il “diavolo” ora osserverà due giorni di riposo, per poi tornare a lavorare martedì pomeriggio in vista del derby in programma domenica 21 ottobre. Dall’infermeria giungono, altresì, notizie confortanti in merito a Caldara e Romagnoli, i quali sono in via di recupero ed appaiono in rialzo le loro quotazioni in previsione del big match contro l’Inter.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: