Roma e Lazio: dopo i fasti in Europa, balbettano in campionato

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Edin Dzeko – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Situazione alquanto particolare per le squadre della Capitale. Dopo i confortanti risultati ottenuti in Europa, Roma e Lazio ripiombano nelle contraddizioni del campionato. I giallorossi dopo l’imponente vittoria rimediata in Champions contro i russi del CSKA Mosca, attraverso un 3-0 ineccepibile, che ha permesso alla banda guidata da Eusebio Di Francesco di issarsi in testa, a quota 6, nel girone G, a braccetto con il Real Madrid, sono tornati a soffrire nella nostra serie A, strappando un pareggio al “San Paolo“, contro il Napoli, rischiando più volte di capitolare.

Dopo il sorprendente vantaggio griffato da El Shaarawy, al 14′, la “Lupa” poche volte si è resa pericolosa dalle parti di Ospina, fatta eccezione per una ghiotta opportunità capitata sui piedi di Dzeko e prontamente sventata sulla linea di porta da Albiol. Per il resto sono stati i partenopei a fare la partita, comandando il gioco ed annoverando svariate occasioni per mettere in ginocchio i giallorossi. Il pareggio, in fin dei conti, non dispiace ad Olsen e compagni, i quali sono tornati a casa con un punto in tasca ma, altresì, con la consapevolezza di non aver palesato quella spigliatezza, quella sfrontatezza e quell’ardore, sino ad ora, manifestato nelle notti europee.

Leggi anche:  Nico Gonzalez alla Fiorentina: cifre e dettagli dell'accordo

La Roma, al momento, è ottava, con 15 punti all’attivo e la prossima trasferta, in campionato, in casa della Fiorentina, si preannuncia un test assai attendibile e allo stesso tempo impegnativo, al fine di misurare le ambizioni di una squadra, quella giallorossa, dal doppio volto. Per la sfida al cospetto della Viola, Di Francesco, con ogni probabilità, dovrà fare a meno di De Rossi e Manolas, entrambi infortunati, i quali proveranno a stringere i denti in vista della trasferta di Champions, in Russia, nella tana del CSKA Mosca, in programma mercoledì 7 novembre.

La Lazio dopo la travolgente vittoria ottenuta al “Velodrome” di Marsiglia, contro i padroni di casa dell’Olympique, per 1-3, non ha ripetuto tale performance, tra le mura amiche, al cospetto dell’Inter. Dell’intensità agonistica, della spinta d’urto manifestata dai biancocelesti, in Europa League, di fronte agli uomini guidati dall’ex tecnico della Roma, Rudi Garcia, nemmeno l’ombra. I ragazzi di Simone Inzaghi hanno creato pochi grattacapi dalle parti di Handanovic, fatta eccezione per qualche folata griffata Ciro Immobile. Gli “aquilotti” hanno tentato di alzare il ritmo nella ripresa, ma ciò non è stato affatto sufficiente al fine di avere la meglio sui nerazzurri, che hanno espugnato l'”Olimpico” attraverso un mortifero 0-3, con Icardi in grande spolvero, autore di una doppietta.

Leggi anche:  Roma, casting per la difesa: c'è Maksimovic

A seguito di questo ko, i biancocelesti frenano in classifica, restando inchiodati al quarto posto, a quota 18, con la concreta possibilità che questa sera, in caso di successo del Milan contro il Genoa, possano essere acciuffati proprio dai rossoneri. Dopo le tre vittorie di fila, tra serie A ed Europa League, i capitolini sono nuovamente ripiombati nelle ombre ammirate tra fine settembre ed inizio ottobre, quando si materializzarono i doppi tonfi al cospetto di Roma ed Eintracht Francoforte. Lazio incostante, quindi, capace di sorprendere per poi crollare al cospetto delle big, come già accaduto contro Napoli, Juventus, Roma e Inter, per l’appunto. Occorrerà migliorare tale aspetto di tenuta fisica e mentale al cospetto di squadre di alto livello, al fine di scongiurare di disputare un torneo senza particolari sussulti.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,