Sampdoria-Spal: i blucerchiati soffrono, ma Linetty e Defrel suonano la carica

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Gregoire Defrel – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Nel monday night della settima giornata di serie A, la Sampdoria liquida, a fatica, la Spal con il punteggio di 2-1. A seguito di questo risultato, la banda guidata da Marco Giampaolo torna al successo a Marassi, dopo l’ultimo conquistato lo scorso 2 settembre con il Napoli, issandosi all’ottavo posto in classifica con 11 punti all’attivo, detenendo, altresì, lo scettro di miglior difesa del campionato con soli 4 gol subiti.

Eppure la vittoria ottenuta contro gli estensi non è stata affatto facile. La squadra allenata da Leonardo Semplici ha più volte messo in difficoltà il Doria, sia nel primo tempo, sfiorando la rete con Valoti per poi trovare il momentaneo vantaggio con Paloschi al 21′, e sia nella ripresa grazie ai guizzi di un imprendibile Petagna. La Samp, da par suo, ha fatto leva su un centrocampo che ha mostrato i muscoli, in cui Ekdal spicca grazie alla sua esperienza internazionale e al suo temperamento da gladiatore, e sul reparto avanzato, in cui Quagliarella non si è affatto risparmiato.

Leggi anche:  Dove vedere Atalanta-Juventus: streaming e diretta tv Serie A

Al numero 27 della Samp gli è stato annullato una rete per doppia posizione di fuorigioco, sia sua che di Defrel, quest’ultimo in versione uomo-assist, mentre al 25′ è salito in cattedra servendo, di testa, a Linetty, la palla del pareggio. Nel secondo tempo, è per via di un suo passaggio, all’interno dell’area, dopo un tiro ribattuto da Gomis, che è nato il raddoppio griffato da Defrel, al quinto centro in questo campionato.

Da lì in avanti, però, i padroni di casa hanno dovuto mostrare grande resistenza agli assalti portati avanti da una Spal apparsa indomita e per nulla rassegnata ad una sconfitta. I doriani hanno saputo soffrire, mettendo in evidenza ardore e l’ottimo stato di forma del portiere Audero, autore di un intervento pregevole nei confronti di Petagna, riscattando, così, l’incertezza avuta nel primo tempo in occasione del gol di Paloschi.

Leggi anche:  L'avventura di Marcello Lippi all'Atalanta: tra contropiede, terzo posto e la UEFA mancata per un punto

Al triplice fischio finale, gioia per la Samp che conquista tre punti sudati, conquistati con temperamento, di fronte ad un avversario in netta ripresa dopo le ultime uscite non propriamente confortanti. I blucerchiati hanno dimostrato di possedere un reparto difensivo invidiabile e un attacco degno di nota, con Quagliarella infaticabile, nonostante i suoi 35 anni, e un Defrel che sembra proprio esser tornato quello straripante ammirato in passato con le maglie di Cesena e Sassuolo.

Intervistato dai giornalisti, queste le affermazioni principali rilasciate dall’allenatore del Doria, Marco Giampaolo: “Potevamo gestire meglio la partita ma non avevamo le risorse per poterlo fare. Sono contento di come abbiamo disputato queste ultime partite ed oggi abbiamo dimostrato di avere una buona solidità difensiva. Ottimi spunti da parte di tutti, abbiamo saputo soffrire fino alla fine senza mai mollare. Con i punti persi contro Inter e Cagliari avremmo una classifica migliore”.

  •   
  •  
  •  
  •