Cristiano Ronaldo: dalla doppietta con il Sassuolo alla sublimazione di “San Siro”

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Tra i protagonisti di questa Juventus che primeggia in campionato con 34 punti all’attivo, frutto di 11 vittorie ed un solo pareggio dopo dodici giornate, instaurando un record per quanto concerne la serie A a girone unico, e che in Champions, nonostante il ko interno rimediato contro il Manchester United, goda del primo posto, a quota 9, nel girone H, una menzione particolare la merita la stella Cristiano Ronaldo. Otto gol in campionato, uno in Champions, questo è lo score di CR7, pedina imprescindibile nello scacchiere tattico di Massimiliano Allegri, l’unico ad essere sempre presente nelle gare dei bianconeri in serie A, mentre in Europa l’assenza nel match contro lo Young Boys fu dettata dall’espulsione, alquanto discussa, rimediata nella gara precedente al “Mestalla” di Valencia.

Leggi anche:  Juventus, Cristiano Ronaldo non si sbilancia: "Quello che verrà, sarà per il meglio. Ora sono concentrato sull'Europeo"

Cristiano dopo un avvio al diesel, ha impresso la sua marcia preferita il 16 settembre scorso, siglando una doppietta al Sassuolo. Da lì in avanti una escalation di gioie ed emozioni: la rete che ha spezzato l’equilibrio nella sfida con il Frosinone, l’assist per Matuidi in occasione del 2-0 inflitto al Bologna, i due tocchi vincenti per Mandzukic e Bonucci nel 3-1 rifilato dalla Vecchia Signora al Napoli, il gol di Udine, il timbro personale nel momentaneo vantaggio dei bianconeri contro il Genoa. A seguire lo zampino nel gol di Dybala ad “Old Trafford“, la doppietta di Empoli, con il secondo gol, dalla lunga distanza, da cineteca, l’assist per Cuadrado in occasione del 3-1 al Cagliari,  la rete d’antologia allo “Stadium” contro lo United ed infine il suo primo gol in carriera a “San Siro“, questa volta al cospetto del Milan.

Prestazioni stellari ed altisonanti, costantemente in crescita, che mettono in evidenza le qualità strabilianti, la potenzialità indiscussa e l’ottimo stato di forma di un attaccante trentatreenne ma biologicamente ritenuto, a tutti gli effetti, un ventitreenne. In questi giorni si è recato con la sua famiglia a Londra, in cui è stato immortalato dai fotografi ad assistere agli Atp Finals di tennis ma da domani sarà nuovamente in maglia e pantaloncini intento a correre e a sudare presso il centro sportivo de “La Continassa“, avendo annunciato alla Federazione calcistica portoghese di non voler essere convocato in vista dei prossimi due impegni di Nations League della nazionale lusitana contro Italia e Polonia.

Leggi anche:  Buffon al Parma, il commento di Bargiggia: "Mi fa tristezza, la sua storia non ha senso"

Cristiano Ronaldo lavorerà con spirito di sacrificio, umiltà ed abnegazione, gomito a gomito con i suoi compagni di squadra bianconeri esentati dagli impegni con le rispettive nazionali, dimostrando, per l’ennesima volta, di voler raggiungere il top della condizione, con la fame di chi desideri ancora conquistare ulteriori titoli in carriera. La Juventus è autorizzata a sognare in grande grazie ad un CR7 spettacolare, indomito e senza limiti, intenzionato a tracciare un solco indelebile nella nostra serie A.

  •   
  •  
  •  
  •