Il Parma espugna Torino: Gervinho e Inglese si confermano gli uomini in più dei ducali

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Roberto Inglese – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Il Parma torna a brillare e lo fa in un pomeriggio piovoso di novembre, in quel di Torino. I gialloblù superando i granata con il punteggio di 1-2, balzano, provvisoriamente, al nono gradino con 17 punti all’attivo, tornando al successo dopo due ko consecutivi contro Lazio e Atalanta e il pareggio rimediato al cospetto del Frosinone. Lontano dal “Tardini“, la banda guidata da Roberto D’Aversa ha centrato il terzo successo, dopo quelli ottenuti contro Inter e Genoa. Gli emiliani non hanno dimostrato solo cuore e temperamento, come sottolineato dal tecnico D’Aversa, quanto piuttosto una lodevole organizzazione di gioco che ha permesso ai gialloblù di ridurre al minimo gli attacchi del Torino, sovrastandolo nelle zone clou del campo.

Leggi anche:  Bologna-Arnautovic c'è l'accordo: per la difesa uno tra Lyanco e Benatia

La gara dell'”Olimpico – Grande Torino” si sblocca al 9′ quando Gervinho approfitta di un’incomprensione tra N’Koulou e Izzo, per poi proiettarsi a tu per tu con Sirigu non fallendo l’appuntamento con il quarto gol in campionato. A seguire sono ancora gli ospiti a rendersi temibili e propositivi, trovando il raddoppio, al 25′, con Inglese, abile nel capitalizzare al meglio un assist sulla sinistra di Gagliolo. L’attaccante di proprietà del Napoli si è esibito in un tocco d’esterno destro davvero pregevole a tal punto che Sirigu non è riuscito a blindare lo specchio della porta.

I granata provano a riaprire le sorti del match al 37′ con Baselli, ma è solamente un fuoco di paglia, in quanto nella ripresa il Parma cingerà d’assedio la metà campo granata, sfiorando ripetutamente il tris attraverso il montante colpito da Inglese e le due ghiotte opportunità capitate sui piedi di Gagliolo, tra cui una sventata in maniera provvidenziale da un attento Sirigu. La difesa gialloblù non mostrerà affanno nell’argine le possibili folate offensive imbastite da Iago, Belotti e il subentrato Zaza, così che al triplice fischio finale saranno i ducali ad alzare le braccia al cielo, consapevoli di aver ottenuto una vittoria per nulla scontata, su un campo in cui, in stagione, si sono imposti solo Roma e Napoli, sciorinando una performance ampiamente convincente che lasci ben sperare per il futuro.

Leggi anche:  Graziani contro l'eventuale cessione di Lautaro: "Se toccano quel tandem allora veramente si indebolisce l’Inter. L'anno prossimo..."

Note positive sono giunte dai calciatori approdati in gialloblù negli ultimi giorni di mercato, ovvero Gervinho, Inglese e Grassi, uomini in grado di fornire un lauto contributo, i quali attraverso le loro indiscusse qualità e l’elevata dose di esperienza, hanno trasmesso sicurezza e personalità a tutti i compagni di squadra.

Il Torino, reduce da sei risultati utili consecutivi, è costretto ad arrendersi dinanzi alla spigliatezza e all’intraprendenza di un Parma non nuovo a prestazioni del genere, capace di cancellare, così, le ultime tre giornate non propriamente soddisfacenti dal punto di vista dei risultati, con un solo punto conquistato sui nove a disposizione.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,