Milan, Paolo Scaroni: “Scudetto ? Meglio partecipare alla Champions. Higuain? Deve imparare a trattenersi”

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Dichiarazioni alquanto interessanti sono comparse, quest’oggi, sulle colonne de “La Gazzetta dello Sport“, in cui il presidente del Milan, Paolo Scaroni, ha rilasciato affermazioni per nulla affatto banali riguardanti il cammino stagionale dei rossoneri, la presenza di Gattuso in panchina, la rivalità con i “cugini” nerazzurri, senza disdegnare un monito nei confronti del “pipita” Higuain, reduce dall’espulsione rimediata nella sfida di campionato contro la Juventus.

Scaroni, vicentino di nascita, di professione banchiere, ex amministratore delegato di Eni ed Enel e già membro del consiglio d’amministrazione del club rossonero dal 2017,è il successore di Yonghong Li nel ruolo di presidente del Milan. Ecco di seguito alcune delle dichiarazioni rilasciate alla “rosea” dal numero uno del club di via Aldo Rossi:” Nel calcio moderno la parte sportiva deve andare di pari passo con quella economica. Ma, di certo, una squadra come la nostra dovrebbe essere sempre in Champions League. Ad Agnelli dico però che a uno scudetto preferisco tre partecipazioni di fila nell’Europa dei big“.

Leggi anche:  Romero sposa l'Atalanta: "Voglio rimanere a Bergamo: non vedo l'ora di essere riscattato. Su Gasperini..."

Per poi aggiungere:” Higuain? E’ sempre nervoso, con la Juventus lo era ancora di più. Ma ha chiesto scusa e non ha insultato nessuno. A 30 anni, però, deve imparare a trattenersi“. Per quanto concerne il lavoro svolto da “RinghioGattuso, questo il giudizio espresso dal presidente rossonero:” Gattuso sta facendo meglio di chi lo ha preceduto, la squadra ha la sua grinta, anche se dopo Milan-Betis Siviglia avevo i lacrimoni. La sua permanenza sulla nostra panchina dipenderà dai risultati, che finora devo ammettere essere positivi“.

Spostando, poi, l’attenzione sulla rivalità, in salsa meneghina, con i “cugini” dell’Inter, Paolo Scaroni la pensa così:” Il prossimo derby voglio vincerlo, ma quando gli interisti non sono un mio competitor diretto non ho ostilità particolari. Contro il Tottenham tifavo per i nerazzurri“.

  •   
  •  
  •  
  •