Milan sentenza UEFA in arrivo: ammenda certa, possibili limitazioni al mercato

Pubblicato il autore: Lorenzo Carrega Segui

Il Milan si trova ad affrontare una fase delicata. Dopo l’arrivo in società di Elliot e la nomina di Scaroni quale Presidente della società, nonostante le maggiori rassicurazioni date da loro sui conti del Milan, la situazione, sul fronte finanziario, resta piuttosto tesa.

Dopo che il Tas di Losanna ha ribaltato la sentenza di giugno della Camera giudicante che aveva escluso il Milan per un anno dalle coppe europee, l’UEFA è pronta a sanzionare nuovamente la società rossonera.
Come ha spiegato dettagliatamente il Corriere della Sera, martedì a Nyon ci sarà un primo passo importante per definire le linee future della società.
Non sarà semplice capire quale di queste prevarrà, ma ci sono tre scenari possibili. Il più logico e meno complicato prevede il volontary agreement, tenuto in considerazione il cambiamento della proprietà.
Gli altri due prevedono una sanzione pecuniaria, con la possibilità di un accordo volontario per il triennio 2018-2021.
Comunque in casa Milan hanno già compiuto delle scelte, accantonando una cifra importante (17 milioni), per via prudenziale, comprendendo anche il rischio di sanzioni UEFA.
Non solo, perché potrebbero esserci delle limitazioni per quanto riguarda la lista UEFA, già a partire da gennaio, così come dei vincoli sui salari e la rosa futura.

Leggi anche:  La UEFA si tinge di arcobaleno: Milan in sostegno dei diritti LGBT
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: