Napoli, Aurelio De Laurentiis: “Con il fatturato della Juventus, anche io avrei vinto dieci scudetti”

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui
during the pre-season friendly match between SSC Napoli and OGC Nice at Stadio San Paolo on August 7, 2016 in Naples, Italy.

Foto professionale Getty Images© selezionata da SuperNews

Torna a parlare il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale durante un convegno, tenutosi ieri, presso la sede dell’Unione Industriali del capoluogo campano, ha trattato vari argomenti, dalla situazione economica e finanziaria del club azzurro, alla necessità di compiere opere di ammodernamento all’interno dello stadio “San Paolo” al fine di renderlo competitivo al pari degli impianti appartenenti alle maggiori società europee, per poi non disdegnare una frecciata alla Juventus, rilasciando una dichiarazione assai pepata.

Questo un estratto delle affermazioni principali espresse dal numero uno del club partenopeo:” Napoli è un grande attrattore, ovunque vado non fanno che parlarne, soprattutto all’estero. Siamo la diciannovesima squadra al mondo, non abbiamo debiti con le banche, siamo un modello virtuoso. Forse non riusciremo a battere la Juventus, chi lo sa, ma con quel fatturato, dieci scudetti li avrei vinti anch’io. Noi spesso ci siamo andati molto vicini. Comprerò una squadra, il progetto è in progress“.

Leggi anche:  Florenzi nel mirino della Juventus: i bianconeri provano il colpo

Per poi aggiungere:” San Paolo? E’ un grosso problema, il Comune non è mai andato oltre il galleggiamento. La Regione, adesso, è molto attiva, volevano buttare 5 milioni solo per la pista d’atletica ma era una cavolata. E io ho pregato il Governatore di spendere 15 milioni per cambiare i seggiolini“.

Sui progetti futuri in merito all’impianto di Fuorigrotta, De Laurentiis svela:” Ho pensato di realizzare 30 salottini a bordo campo. Non vado allo stadio perché dal settore che occupo non si vede niente. Il Comune non ha mai fatto nulla per il San Paolo dal 1990, quando sono stati fatti i lavori sono stati rubati diversi miliardi di lire e nessuno mai è andato in prigione“.

Infine sulla possibilità che possa imprimere un’accelerata per quanto concerne la costruzione di un nuovo stadio, il patron azzurro rassicura tutti:” Mi chiedono: vai altrove? Ci metto 2 secondi a comprare il terreno e 18 mesi per costruire il nuovo stadio, ma questo è il teatro di Maradona. L’unica parte importante della storia del Napoli, di un passato che non voglio dimenticare“.

  •   
  •  
  •  
  •