Napoli-Chievo passo falso dei partenopei, fine del sogno scudetto?

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Kalidou Koulibaly – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

La sorpresa della tredicesima giornata di serie A proviene dal “San Paolo” con i padroni di casa del Napoli che non riescono ad andare oltre lo 0-0 contro un Chievo rigenerato dalla cura Di Carlo. I partenopei dopo un primo tempo piuttosto blando, in cui hanno provato ad impensierire la retroguardia gialloblù senza mostrare il volto famelico dei giorni migliori, si sono risvegliati nella ripresa, flirtando con il gol in più di una circostanza.

Insigne ha sciupato una ghiotta opportunità a tu per tu con Sorrentino, per poi colpire un palo clamoroso al 75′, a seguire è Koulibaly a scheggiare il legno, Mertens a sfiorare la gioia personale attraverso un colpo di testa ed infine è dai piedi di Zielinski che parte una conclusione intercettata in due tempi dall’estremo difensore clivense. Nonostante ciò gli azzurri non hanno scardinato il compatto muro posto in essere dai calciatori gialloblù, non riuscendo a mettere in ginocchio la peggior difesa del campionato con ben 30 reti al passivo. La spinta dei circa 50.000 presenti nell’impianto di Fuorigrotta non è stata sufficiente al fine di trascinare i propri beniamini verso un successo che li avrebbe permesso di restare lungo la scia della Juventus.

Al termine del match, Carlo Ancelotti ha sottolineato il ritmo compassato mantenuto nella prima frazione di gara, lasciando intendere che, molto presumibilmente, i suoi uomini siano stati distratti dal prossimo, decisivo, impegno in Champions League al cospetto della Stella Rossa di Belgrado, in programma mercoledì 28 novembre. Secondo il tecnico emiliano la sfida in Europa ricalcherà per molti versi il leitmotiv ammirato con il Chievo, motivo per cui andranno migliorati molti aspetti per non ripetere una performance poco efficace come quella andata in scena ieri pomeriggio.

Leggi anche:  Bologna-Arnautovic c'è l'accordo: per la difesa uno tra Lyanco e Benatia

Ancelotti ha aggiunto di aver messo una pietra sopra la gara con i gialloblù di Mimmo Di Carlo e di voler voltare pagina, ma resta pur sempre il dato inconfutabile che, a margine di questo deludente ed inaspettato 0-0, il Napoli abbia compiuto semplicemente un piccolo passo in avanti, issandosi a quota 29, al secondo posto, ad una sola lunghezza di distanza dall’Inter terza ma soprattutto a -8 dalla Juventus capolista, gap ragguardevole che, unito a possibili ulteriori passi falsi da parte della compagine partenopea, potranno condurre Insigne e compagni verso una resa anticipata.

Carlo Ancelotti ha affermato di voler tracciare un primo bilancio al termine del girone d’andata ma di certo questi due punti lasciati per strada al cospetto del Chievo fanalino di coda, rischiano di pesare notevolmente nell’ambito della corsa scudetto, considerando la maestosità e la grandezza di una Vecchia Signora inarrestabile.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,