Napoli travolgente: 5-1 all’Empoli e il Psg è avvisato

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Dries Mertens – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Valanga di gol al “San Paolo“. Nell’anticipo del venerdì valevole per l’undicesima giornata di serie A, il Napoli tramortisce l’Empoli con un sonoro 5-1, issandosi, così, al secondo posto in solitaria, a quota 25, in attesa di conoscere il risultato della gara di oggi pomeriggio tra Inter e Genoa. Gli azzurri detengono, momentaneamente, lo scettro di attacco più prolifico del torneo con 24 reti all’attivo, inanellando, tra l’altro, il sesto risultato utile consecutivo tra campionato e Champions League, mentre se osserviamo solamente l’andamento casalingo in serie A, la banda guidata da Ancelotti può vantare cinque vittorie ed un solo pareggio, con lo score di 15 gol segnati e solamente 4 subiti, a testimonianza dell’ottimo trend di Mertens e compagni sfoderato nell’impianto di Fuorigrotta.

Leggi anche:  Nuno Tavares nel mirino del Napoli: offerta al Benfica

Nel primo tempo i partenopei hanno sciorinato manovre di gioco spumeggianti, molto spesso caratterizzate da tocchi di prima, palesando una particolare facilità nell’arrivare a ridosso dell’area avversaria. Al 9′ è Insigne a sbloccare il match attraverso un tocco felpato su assist di Koulibaly, al 38′, poi, ci pensa Mertens con un tiro dalla distanza a superare la resistenza di Provedel.

Nella ripresa l’Empoli, apparso piuttosto coraggioso e per nulla affatto rinunciatario, crea qualche affanno di troppo alla difesa azzurra nel primo quarto d’ora, trovando la rete che riapre la sfida, al 58′, con il solito Caputo, abile nel capitalizzare al meglio un passaggio in verticale di Krunic. Il Napoli subito il colpo si risveglia dal torpore, tornando ad attaccare a testa bassa. Al 64′ su assist del neo entrato Callejon è Mertens ad estrarre dal cilindro un delicato pallonetto che si insacca alle spalle dell’estremo difensore empolese, mentre al 90′ Milik, subentrato a Zielinski, concretizza nel migliore dei modi un’azione travolgente avviata da Insigne, perfezionata da Mertens ed infine tramutata in gol dall’attaccante polacco.

Leggi anche:  Nuova avventura in Italia per Ranieri?

Nei minuti di recupero sono gli ospiti a tentare di accorciare perlomeno le distanze ma al 93′, su contropiede, è Insigne ad innescare perfettamente Mertens che in velocità supera Provedel in uscita, per poi appoggiare comodamente la sfera in fondo al sacco. Tripletta per Mertens che con i suoi 98 gol complessivi in maglia azzurra supera Altafini e Careca nella speciale classifica dei bomber all-time del Napoli.

Intervistato al termine del match, Carlo Ancelotti non appare pienamente soddisfatto, specificando che al cospetto del Paris Saint-Germain, in Champions League, occorrerà ben altra tenuta psicologica, elogiando, altresì, l’Empoli, avversario ben organizzato con il cruccio di raccogliere meno di quanto crei in campo:” Abbiamo anche cominciato bene, poi c’è stato un rilassamento eccessivo. Anche sul 2-1 abbiamo fatto fatica a recuperare palla. L’Empoli ha giocato molto bene, faccio i complimenti ad Andreazzoli. Il risultato dice altro, dobbiamo focalizzarci su quel che non è andato bene e ci sono stati aspetti negativi, anche se siamo stati efficaci sotto porta con Mertens, Insigne, anche Milik quando è entrato“. Spostando l’attenzione sulla performance sciorinata da Dries Mertens, questo il pensiero del tecnico emiliano:” E’ un momento prolifico per lui“. Per poi aggiungere:” Sono meno contento rispetto alla partita con la Roma ma martedì faremo una grande partita“.

  •   
  •  
  •  
  •