Inter: Juventus e Psv Eindhoven decisive per non archiviare sogni e ambizioni

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Mauro Icardi – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

L’Inter è entrata nella settimana decisiva per il suo futuro. Venerdì 7 dicembre affronterà, all'”Allianz Stadium“, i campioni d’Italia in carica della Juventus, mentre martedì prossimo se la vedrà con il Psv Eindhoven, in occasione dell’ultima gara della fase a gironi di Champions League. I nerazzurri sono reduci dal discusso pareggio, per 2-2, all'”Olimpico”, contro la Roma, stazionando al terzo gradino, a quota 29, distanti tre lunghezze dal Napoli secondo e ben 11 dai bianconeri capolista.

In caso di ko al cospetto della Vecchia Signora, Icardi e compagni archivierebbero definitivamente velleità di scudetto ed andrebbero incontro a più di qualche difficoltà nel mantenere il passo del Napoli, questo perché la Juventus volerebbe a +14, gap decisamente impossibile da colmare, e gli azzurri impegnati in casa con il Frosinone, vantano ottime possibilità di portarsi a sei punti di distanza se la Beneamata uscisse dalle ossa rotta dall'”Allianz Stadium“. Ciò appare essere uno scenario apocalittico, ma potrebbe rivelarsi una situazione alquanto plausibile se l’Inter non dovesse dimostrare quella personalità e quell’autorevolezza che le potrebbe permettere di tener testa a Cristiano Ronaldo e compagni.

Leggi anche:  Calciomercato Inter: quale sarà il futuro di Stefano Sensi?

Dirottando il discorso sulla Champions, il quadro è decisamente chiaro: i nerazzurri devono battere il Psv Eindhoven, senza effettuare troppi calcoli, e sperare che il Barcellona non si faccia superare, al “Camp Nou“, dal Tottenham. I catalani non perdono una partita di Champions, tra le proprie mura amiche, dall’1 maggio 2013, ma ciò non esclude categoricamente che gli Spurs possano compiere il colpaccio in quanto ingolositi dall’opportunità di poter accedere agli ottavi di finale, mettendo ko un Barca già aritmeticamente qualificato come primo nel raggruppamento. Il rischio che corrono i nerazzurri è che la beffa possa essere servita.

Questo non vuol essere un messaggio catastrofico nei confronti della truppa guidata dal tecnico di Certaldo, ma semplicemente una netta considerazione su ciò che potrebbe avvenire se l’Inter dovesse perdere contro la Juventus e non ottenere l’intera posta in palio con gli olandesi del Psv. Ragion per cui la Beneamata, nei prossimi 7 giorni, si giocherà gran parte del suo destino.

Leggi anche:  Eriksen, l'agente racconta: "Christian non molla"

Restare in corsa in campionato e nell’Europa dei big darebbe lustro ad una compagine ambiziosa e costruita in estate per stupire, altrimenti, già da dicembre, risulterà obbligatorio riprogrammare la stagione, con lo scopo di blindare, perlomeno, la terza piazza in serie A e ben figurare in Europa League, quell’Europa meno nobile, che non suscita particolare entusiasmo. Juventus e Psv Eindhoven: due bivi fondamentali, da non fallire, per non mutare gli obiettivi.

  •   
  •  
  •  
  •