Fulvio Collovati durante “Quelli che il Calcio”:”Le donne non capiscono di tattica”. Torna imperante un vecchio clichè

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Purtroppo non è una boutade. Durante la puntata di ieri della trasmissione “Quelli che il Calcio” in onda su Rai Due, il campione del mondo con l’Italia nel 1982, Fulvio Collovati, ha dato vita ad un’esternazione decisamente sconcertante. Senza fronzoli né tanto meno giri di parole ha espresso un concetto piuttosto aberrante e fuori luogo, affermando con convinzione: “Le donne non possono parlare di tattica perché ci capiscono meno degli uomini. Quando le sento parlare di tattica il mio stomaco si rivolta. Possono commentare l’esito di una partita ma la tattica no“. Cala il gelo in studio, i conduttori Luca e Paolo tentano di stemperare, ma oramai la caduta fragorosa è andata in scena.

Ebbene, signor Collovati, grande calciatore del passato con le maglie di Milan, Inter e come detto campione del Mondo in Spagna’82, lei ha perso una ghiotta opportunità per riflettere lungamente prima di dare adito ad un’affermazione sconcertante, inopportuna e facilmente opinabile. Nelle vesti di redattore sportivo, mi confronto quotidianamente con giornalisti ed esperti del settore, molto spesso donne, e devo dichiarare con convinzione che la stragrande maggioranza di loro siano ampiamente preparate in materia calcistica. Svolgono il loro lavoro con solerzia e dedizione, argomentando con estrema preparazione, conoscendo perfettamente le dinamiche tattiche delle squadre del nostro campionato. Anche molte mogli dei calciatori hanno dimostrato di non essere solamente belle e note wags, ma di approfondire la materia calcistica, dimostrandosi abili e “sul pezzo“, come i tanto apprezzati uomini, giusto per parafrasare quanto dichiarato da lei.

Leggi anche:  SKY o DAZN? Dove vedere Torino Spezia in tv e in streaming, Serie A 18° giornata

Il calcio appartiene anche alle donne. Il pallone è sempre più rosa. A testimonianza di ciò vi è il crescente interesse sulla serie A femminile, che ha risonanza sui media e in tv, con le gare trasmesse sull’importante piattaforma televisiva di Sky. Molte ragazze, donne si stanno avvicinando al rettangolo verde, nelle vesti di opinioniste, giornaliste, calciatrici, allenatrici, arbitri e dirigenti. Il pallone è un movimento che coinvolge entrambi i sessi. Non è più una prerogativa solo maschile. Le donne sanno parlare di tattica. Sono appassionate, mettono brio e competenza. Sono addentrate in tali discorsi e scrutano con attenzione ciò che avviene, proprio come i “maschietti” caro signor Collovati.

La sua esternazione profuma di stantio, di vecchio, dall’amaro gusto retro. Il calcio è aperto a tutti e di donne brave, mi creda, ce ne sono tante. Potrei elencarle qui, a testimonianza dell’eccellenza di tutte coloro che lavorano quotidianamente in questo settore sportivo che coinvolge a qualsiasi latitudine e longitudine. Ciò che è avvenuto ieri negli studi Rai di “Quelli che il Calcio” è stato alquanto mortificante e credo proprio che lei debba delle scuse verso tutte coloro che masticano di calcio con la medesima dimestichezza e preparazione dei tanto “esperti” ed “intoccabili” uomini.

  •   
  •  
  •  
  •