Gattuso, tris servito all’Empoli. Castillejo-Conti per lo sprint Champions League

Pubblicato il autore: Antonio Guarini

Gattuso, tris con vista Champions League. C’è sempre una prima volta. Ieri sera a San Siro il Milan ha centrato la terza vittoria di fila in campionato. In questa stagione non era mai successo. Non solo, i rossoneri hanno mantenuto la porta inviolata, fatto che avviene sempre più sovente per Romagnoli e compagni. Primo tempo al piccolo trotto, secondo tempo al galoppo per i rossoneri che senza Var avrebbero segnato anche di più. Un 3-0 rotondo che ha messo in mostra la solita concretezza di Piatek. Il polacco ha numeri da supereroe dell’area di rigore: 7 gol con 9 tiri in porta. Calcolate voi la percentuale. Non solo l’ex Genoa sugli scudi, molto bene la nuova catena di destra. Conti e soprattutto Castillejo hanno fatto il diavolo a quattro su quella corsia.

Leggi anche:  Asta di Riparazione Fantacalcio 2023, i giocatori da acquistare: ecco i consigli, top e sorprese!

L’ex Villarreal è stato l’unico pericoloso nel soporifero primo tempo di San Siro. Poi, dopo l’intervallo, ha prima mandato in gol Kessié e poi segnato in prima persona su assistenza di Conti. Calabria e Suso sono avvisati, sulla destra la concorrenza è di altissimo livello. Bene in difesa Romagnoli, preciso negli anticipi e mai falloso. A centrocampo Bakayoko è ormai un pesce nell’acqua. Forse chiedergli più qualità sarebbe troppo, ma mai mettere limiti alla Provvidenza. Paquetà ha giocato più di sciabola che di fioretto. L’ex Flamengo aveva anche segnato, ma il Var non perdona. Buoni gli ingressi di Borini e Cutrone. Vedere il classe ’98 rincorrere gli avversari al 90′ fino alla propria area di rigore avrà fatto aprire il cuore a Gattuso. E anche a tutti i tifosi rossoneri presenti a San Siro.

Leggi anche:  Milan, Leao sempre più vicino all'addio: rottura totale con Maldini

Gattuso, lo sprint Champions è lanciato

9 gol fatti e 1 solo subito nelle ultime tre partite, 9 punti e quarto posto difeso per un altro turno. Il meglio per Rino Gattuso ed il suo Milan deve ancora venire. Martedì prossimo c’è l’andata della semifinale di Coppa Italia contro la Lazio, all’Olimpico. Una rivincita dello stesso turno della passata stagione, passarono i rossoneri che poi persero in finale contro la Juventus. Prima della sosta il Milan dovrà affrontare nell’ordine: Sassuolo, Chievo e Inter. Dopo il derby del 17 marzo ci sarà la sosta per il ritorno degli impegni dell’Italia di Roberto Mancini.

Il Milan di Gattuso versione 2019 viaggia ad alte velocità. L’emergenza infortuni è un lontano ricordo, anche Zapata e Caldara sono prossimi al ritorno in campo. I rossoneri nel nuovo anno non hanno mai perso in Serie A, totalizzando 14 punti sui 18 disponibili. In più ci sono le due vittorie in Coppa Italia contro Sampdoria e Napoli. L’unica macchia è stata la sconfitta contro la Juventus nella Supercoppa Italiana. In quel frangente l’era-Piatek non era ancora iniziata. In quella partita il Milan sparava a salve con l’equivoco Higuain ancora in fase di risoluzione. Chissà come sarebbe andata quella sfida con lo scatenato polacco al posto dello spento argentino. Non lo sapremo mai. Intanto meglio non piangere sui Pipita versati. Molto meglio.

  •   
  •  
  •  
  •