Gasperini, rosso e rissa in Sampdoria-Atalanta: “È stata una sceneggiata”

Pubblicato il autore: Paolo Lora Lamia

Toni accesi ieri durante Sampdoria-Atalanta. La sfida andata in scena al Ferraris tra blucerchiati e nerazzurri, importante nella corsa all’Europa, non ha riservato solo grande spettacolo in campo, con gli ospiti che hanno vinto per 2-1, ma anche una brutta scena lontano dal rettangolo verde. Un episodio che ha coinvolto il tecnico atalantino Gian Piero Gasperini e il segretario generale doriano Massimo Ienca.

In occasione del rigore assegnato alla Sampdoria e successivamente trasformato da Quagliarella, che è valso il momentaneo 1-1, Gasperini è stato allontanato dal campo – su segnalazione del quarto uomo – per aver protestato eccessivamente. Mentre stava entrando nel tunnel che conduce agli spogliatoi, il mister nerazzurro è venuto a contatto con Ienca, facendo cadere a terra il dirigente blucerchiato.

Gasperini contro Ienca: le due versioni sulla loro lite

Naturalmente, questo episodio è stato raccontato in maniera diametralmente opposta dai due protagonisti nel post partita. Ecco la versione di Gasperini: “Conosco bene Ienca: ha lavorato per tanti anni al Genoa e conosco anche alcuni membri della sua famiglia. Me lo sono trovato di fronte, probabilmente in un posto in cui non poteva stare, e l’ho semplicemente spostato perché mi ostruiva il passaggio. Il resto è stata una sceneggiata”. In conferenza stampa, il mister nerazzurro ha rincarato la dose: “Ienca è un provocatore, anche in altre situazioni è stato protagonista di episodi simili. Dato che è stato genoano per molto tempo, forse voleva conquistarsi la simpatia dei tifosi blucerchiati”.

Completamente diverso è il punto di vista della Sampdoria, secondo cui Gasperini avrebbe fatto cadere Ienca colpendolo con una manata. Dell’episodio ha parlato il vice presidente della società Antonio Romei: “Non c’è stata alcuna sceneggiata: a fine partita bisogna stringere la mano all’avversario, non dare una manata. Questo non è sport, dovremmo essere noi i primi a mantenere i toni bassi. Ci sono dei testimoni, che parleranno di quanto accaduto alla Procura Federale”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Una big europea su Hojlund, Gasperini trema