Milan-Uefa, un’altra estate calda? I rossoneri rischiano l’esclusione dalle coppe

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado


Nella fase più delicata della stagione del Milan arriva un’altra cattiva notizia dall’UEFA. Infatti il massimo organismo del calcio europeo ha preso nuovamente di mira il club rossonero per la gestione dei conti economici della società, dopo quanto già accaduto lo scorso anno. A finire sotto la lente di ingrandimento dell’UEFA sono finiti questa volta le stagione 2015 – 2016, 2016 – 17 e 2017 – 18, chiuse a livello di bilancio con grosse perdite in casa rossonera. Per questo motivo l’UEFA ha rinviato il Milan di fronte alla Camera giudicante che dovrà nel prossimo futuro immediato decidere sull’entità delle eventuali sanzioni da applicare nei confronti della società rossonera.
Il nuovo intervento dell’UEFA arriva dopo le sanzioni già emesse dal massimo organismo calcistico europeo nei confronti del Milan e relative al triennio 2014 – 2017: sanzioni nei confronti delle quali il club di via Aldo Rossi ha fatto appello al TAS e sulle quali si attende ancora il pronunciamento del Tribunale arbitrale dello Sport di Losanna.  La società rossonera, quindi, sarà costretta nuovamente a presentarsi dinanzi alla Camera giudicante dell’UEFA per “difendere”  il proprio operato e molto probabilmente senza conoscere ancora il verdetto del TAS sulla vicenda relativa al triennio 2014 – 2017. Una situazione abbastanza intricata quella che coinvolge la società rossonera per la quale ad oggi non può essere esclusa nessun tipo di sanzione: anche quella più estrema e cioè l’esclusione dalle Coppe europee.
La posizione della società in merito a quest’ultima vicenda non sembra però essere completamente negativa: in casa Milan la notizia del rinvio alla Camera giudicante dell’UEFA è stata accolta come un atto dovuto, un passaggio formale all’interno di un processo ancora lungo. A parlare della decisione dell’UEFA è stato oggi Paolo Maldini, direttore sviluppo strategico area sport della società rossonera, che nel corso di una intervista a SportMediaset  ha tranquillizzato i tifosi rossoneri sui possibili sviluppi della vicenda.

Leggi anche:  Roma, accordo trovato con il Bournemouth per Zaniolo

Milan, le parole di Maldini sul  nuovo intervento dell’UEFA.

” La comunicazione non è stata una sorpresa, c’è un dialogo settimanale con l’UEFA. Sono comunque in discussione gli anni precedenti ad Elliott. Anche l’anno scorso dovevamo essere esclusi dalle coppe europee e poi è intervenuto il Tas. Siamo pronti a tutto, abbiamo tante armi. Come club vogliamo che non sia un confronto duro e senza dialogo, il Financial Fair Play ha azzerato i debiti nel calcio europeo ma non permettere ad una società sana e senza debiti di intervenire sul mercato è anche incostituzionale. La Uefa ha ben capito che il Milan è una società sana, con persone competenti  e vuole ritornare in alto “.

Le dichiarazioni dell’ex capitano della squadra rossonera ed oggi manager della società Paolo Maldini, quindi, lasciano ben sperare i tifosi del Milan per una conclusione della vicenda che sia meno dura possibile per il club rossonero che tra le altre cose potrebbe rischiare anche di vedersi congelata una o più sessioni di mercato come “pena” meno afflittiva rispetto all’esclusione dalle prossime edizioni delle Coppe Europee: palcoscenici, questi, che l’attuale Milan di mister Gennaro Gattuso sta faticosamente cercando di riconquistare a suon di buone prestazioni nel campionato di Serie A.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,