Milan, è finita per Bakayoko: il francese via dopo gli insulti a Gattuso

Pubblicato il autore: Laurapetringa

Bakayoko- Gattuso. Il Corriere della Sera, riporta che Bakayoko , potrebbe pagare con la mancata conferma il “Fuck off, man” ripetuto più volte a Gattuso nel corso del match contro il Bologna. Ed ecco che finisce l’avventura del centrocampista, che farà ritorno al Chelsea. Famoso negli ultimi tempi per aver aver esibito con Kessié la maglia di Acerbi, ed essere entrato così nelle cronache, ma anche per essersi presentato in ritardo all’allenamento dello scorso primo maggio, stavolta si è reso protagonista di un episodio di vera e propria insubordinazione, che compromette il suo riscatto dal Chelsea.

Quando viene chiamato a prendere il posto di Biglia, Gattuso intuisce il sapore della vendetta e dopo un duro botta e risposta tra i due, inquadrato dalle telecamere, chiama al suo posto Josè Mauri. Il francese se la prende comoda, e quando Gattuso si infuria e sceglie José Mauri, lo insulta. La scelta di Gattuso si rivela giusta, perché Mauri, smarca Suso con un passaggio verticale. Lo spagnolo segna un gol importantissimo, arrivato in un momento non atteso.

Leggi anche:  Asta di Riparazione Fantacalcio 2023, i giocatori da acquistare: ecco i consigli, top e sorprese!

La versione di Gattuso

“Gli ho detto di entrare, ci ha messo otto minuti per allacciarsi gli scarpini e prepararsi e ho deciso di far entrare Mauri. Sinceramente oggi la priorità la aveva solo l’A. C. Milan  a tutti i componenti di questa società.  panni si lavano in casa, domani ci guarderemo negli occhi a Milanello, ci diciamo le cose in faccia come piace a lui e piace a me e dopo vedremo. Ma la priorità ce l’ha il gruppo, complimenti a chi ha battagliato in campo”.

Bakayoko e la sua versione dei fatti 

Il centrocampista francese, in prestito dal Chelsea e con un riscatto fissato a 35 milioni, ha pubblicato sui social la sua versione dei fatti, molto diversa da quella raccontata a caldo nel post partita.
“Sono diverse settimane che sui media si parla di me, ma io ho deciso di non dire niente e di continuare a lavorare. D’altra parte però quello che è successo stasera e l’interpretazione che si sta cercando di dare alla cosa mi obbliga a rispondere subito perché io non accetto di essere considerato un giocatore che si rifiuta di entrare in campo quando glielo chiede il suo allenatore e che non rispetta il suo club e i suoi compagni di squadra. Iniziando in panchina ero pronto a dare il 200% anche se avessi giocato soltanto 5 minuti. Quando Lucas si è fatto male mi è stato detto di cominciare a prepararmi per il cambio. E così ho fatto, mi sono preparato subito e mi sono scaldato per 2/3 minuti massimo”.

Il chiarimento

Lo aveva anticipato Gattuso già al termine del match contro il Bologna e il chiarimento con Bakayoko è arrivato a Milanello. Si sono parlati alla presenza di Leonardo e Maldini.  Il giocatore, dunque, è “reintegrato” e a tutti gli effetti a disposizione di Gattuso che potrebbe anche decidere di impiegarlo dal 1′ nel match di Firenze. Già Gattuso aveva detto: “Tutti possono mandarmi a quel paese, poi ci chiudiamo nello stanzino e vediamo. È una questione che voglio chiudere nello spogliatoio. Voglio parlare con la mia lingua, poi vedremo”. E così è stato. 

 

  •   
  •  
  •  
  •