Calcio: statistiche Serie A alla 26.a giornata

Pubblicato il autore: Andrea Riva Segui

Il campionato di Serie A è fermo da due settimane per l’emergenza Coronavirus e purtroppo non si sa ancora quando si potrà riprendere a giocare; visto lo stop andiamo a vedere le statistiche principali di queste prime 26 giornate che mostrano parecchi dati importanti e allo stesso tempo molto interessanti, ricordando che otto squadre devono recuperare una gara, con questo calendario: Atalanta-Sassuolo, Verona-Cagliari, Torino-Parma e Inter-Sampdoria.

Statistiche Serie A

Questa serie non poteva cominciare che dalle reti realizzate con l’Atalanta nettamente in testa con 70 grazie anche a parecchie goleade come quelle casalinghe contro Milan e Parma per 5-0 e quelle esterne sul campo del Torino (0-7) e Lecce (2-7) per la bellezza di 24 marcature in quattro match. Alle spalle degli orobici troviamo le due squadre romane: Lazio al secondo posto con 60 gol e Roma terza a 51, mentre le altre due big, ovvero Juventus e Inter seguono rispettivamente con 50 e 49 gol segnati. In fondo a queste speciale classifica troviamo Spal (20), Udinese (21) e Brescia (22).

La formazione nerazzurra è anche quella che ha fatto più tiri avendo prodotto 376 conclusioni (226 in porta e 150 fuori), subito dietro troviamo il Napoli che nonostante abbia esonerato a dicembre Carlo Ancelotti per prendere il più pragmatico Rino Gattuso, si trova al secondo posto con 352 tiri (182 in porta e 170 fuori), conclude il podio la Roma che nonostante una stagione di alti e bassi ne ha 330 ((184-146), subito dietro le prime due della classifica, ovvero Lazio con 326 (195-131) e Juventus con 315 (184-131). Fanalino di coda di questa speciale classifica è il Torino che quest’anno sta avendo grandi problemi soprattutto offensivi e i 195 tiri (105-90) sono li a testimoniarlo, solo il fanalino di coda Brescia ha tirato meno di duecento volte: 197 per la precisione con 108 in porta e 89 fuori.

Per quanto riguarda gli assist le prime quattro formazioni della Serie A si trovano in testa con la solita Atalanta capo banda con 43 passaggi decisivi, seguiti a ruota da Lazio (37), Juventus (31) e Inter (30), quest’ultima a pari merito col Sassuolo, subito dietro Roma e Napoli con 28.
In coda troviamo un pò a sorpresa il Milan con 13 assist e dove peggio ha fatto solamente la Spal con 10.

Proseguendo sempre con il gioco offensivo nella voce cross, ci sono delle sorprese perchè al primo e terzo posto stazionano due formazioni che stanno lottando per rimanere nella massima serie, ossia Lecce e Udinese rispettivamente prima e terza con 187 e 171 cross effettuati, mentre il Cagliari è quarto con 166. Tra pugliesi e friulani, al secondo posto c’è invece l’Inter prima delle big che ne ha 75. Ultima e molto staccata si trova il Sassuolo che ha effettuato solamente 64 cross, il Parma e il Brescia seguono al penultimo e terz’ultimo posto con 103 e 123.

Passando al reparto difensivo, la formazione che ha incassato meno reti è la Lazio (imbattuta dal 25 settembre, striscia migliore d’Europa) con 23, seguita a strettissimo giro da Juventus e Inter con 24, mentre al quarto posto c’è la sorpresa Verona con 26, qui invece meno bene la Dea che di reti ne ha subite 34. Le difese più perforate invece sono quelle di Lecce (56), Brescia (49) e Genoa (47) non a caso impelagate nella zona retrocessione.

La Spal del neo tecnico Luigi Di Biagio comanda la classica delle parate con Berisha che ne ha effettuate ben 117, ma subito dopo con 116 e 112 ci sono Lecce e Parma, squadre che hanno portieri molto impegnati soprattutto nelle gare in trasferta, la prima delle big in questa specialità è la Lazio al nono posto con 95 parate; all’ultimo posto si trova l’Atalanta con 59 parate, seguite da Inter e Napoli rispettivamente con 66 e 77, brave quindi le difese ad impegnare poco il proprio portiere.

Molto interessante la classifica dei chilometri percorsi con l’Inter prima con la media di 112.814, seguita a sorpresa dal Lecce (109.815) e Juventus (109.774); Lazio (109.113) e Roma (109.045) invece sono sesta e settima, mentre sorprende il quindicesimo posto del Napoli (107.189); ultimo invece il Torino che ha una media molto bassa ((104.387) con Cagliari e Genoa che hanno fatto poco meglio con 105.645 e 106.258.

Il Napoli è la formazione più sfortunata avendo colpito ben 19 legni tra pali e traverse, segue la Juventus con 17 e l’Atalanta con 13, in compagnia anche di Milan e Verona, mentre Lazio e Roma ne hanno colpiti 12. In fondo Brescia (4) Torino e Spal (entrambe a 5).

Per quanto riguarda la squadre più volte andate in fuorigioco, troviamo la coppia Verona-Inter con 65, mentre il podio è completato dal Brescia con 58, le più brave a non finire nella trappola delle difese avversarie sono Roma e Fiorentina rispettivamente con 34 e 36, mentre Atalanta e Genoa seguono con 37.

L’Inter è in testa per le reti realizzate grazie al colpo di testa mostrando grandi dote nel gioco aereo: sono 11 le marcature, ma anche Roma e Cagliari con 10 e 9 hanno sfruttato bene questa risorsa; meno brave Sassuolo e Milan con solo 2 gol e Spal con 3.

Passiamo invece ora ai cartellini comminati dagli arbitri; per le ammonizioni in testa c’è il Bologna con 77 cartellini gialli estratti contro, seguita da Spal (74) e la coppia Milan-Cagliari (72), le squadre più virtuose sono Atalanta e Udinese che hanno visto sventolarsi il giallo solo per 52 volte e Juventus (55).
Il discorso cambia per le espulsioni che vedono Torino e Genoa in testa con 7, seguite da Roma, Brescia e Bologna a 6, il Parma per ora è l’unica formazione senza cartellino rossi contro.

Finiamo questa carrellata di statistiche con i calci di rigore, specialità che vede al primo posto la Lazio con 14 tiri dal dischetto a favore, dopo i biancocelesti un terzetto a 9, ovvero Roma, Genoa e Lecce. Udinese unica squadra senza penalty assegnati, mentre con 2 ci sono Brescia, Napoli, Parma e Sassuolo.
Invece per quanto riguarda i rigori a sfavore, al comando il quartetto formato da Juventus, Lecce, Torino e Udinese con 8, mentre in fondo c’è la coppia Lazio-Inter a 3, mentre Atalanta, Napoli, Parma e Sampdoria a 4.

  •   
  •  
  •  
  •