Mihajlovic: ”Contro la Lazio è stata la partita che mi è dispiaciuto meno perdere”

Pubblicato il autore: Gianlorenzo Di Pinto Segui


Sinisa Mihajlovic
non ha mai nascosto il suo amore per la società biancoceleste. Nell’ultima partita giocata dal suo Bologna allo Stadio Olimpico proprio contro la La Lazio, Mihajlovic ha ricevuto un tributo nel pre-partita dai tifosi biancocelesti. Un applauso scrosciante quello per Sinisa che ha emozionato non poco l’allenatore serbo.
Il tecnico del Bologna, vista l’emergenza sanitaria, ha lasciato la città emiliana per trascorrere questo periodo critico, dettato dalla diffusione del Covid-19, nella sua abitazione nella capitale (leggi qui la notizia https://news.superscommesse.it/calcio/serie-a/2020/03/mihajlovic-lascia-la-citta-di-bologna-le-parole-del-suo-medico-393811/)
Intanto in una lunga intervista riportata da Radiosei l’allenatore del Bologna ha parlato anche della Lazio, ecco le sue parole:”Come ho visto la Lazio? Bene, sta facendo una stagione strepitosa. La festa dell’Olimpico mi ha emozionato tantissimo. Ringrazio i tifosi e anche la società che nella “vip zone” ha messo sotto teca, per mostrarle, tutte le maglie che ho indossato nei miei anni biancocelesti, un omaggio non credo per tutti.  Diciamo che quella contro la Lazio è la partita che mi è spiaciuto meno perdere. Può vincere lo scudetto? Se il mio Bologna batterà la Juve alla ripresa del campionato dico di sì…”.

Inoltre, Mihajlovic, si espresso anche sulla situazione personale in relazione alla malattia e al Coronavirus,  facendo anche qualche battuta: ”Ho passato mesi chiuso in una stanza d’ospedale tre metri per tre, attaccato a fili e flebo, senza poter aprire neanche una finestra. Sono mesi che uso una mascherina e non abbraccio e do la mano. Non ho dovuto cambiare le mie abitudini. Anzi, scherzando, dico spesso che terrò queste precauzioni per 5 anni..”

  •   
  •  
  •  
  •