Roma, senti Spinazzola: “Mi consideravano zoppo. Poi sono rinato”

Pubblicato il autore: GennaroIannelli Segui

Roma, Spinazzola si toglie i “sassolini” dalla scarpa

Leonardo Spinazzola è uno dei volti nuovi della Roma targata 2019/2020. Arrivato la scorsa estate, dopo un solo anno di Juventus, il terzino si era subito calato nella realtà giallorossa, affermando in conferenza stampa di non vivere il passaggio da Torino alla Capitale come una bocciatura. Un rendimento altalenante durante la prima parte della stagione, non tanto da impedirgli di guadagnarsi il posto da titolare nell’undici di Fonseca. Poi, un gennaio turbolento, scandito da tante voci di mercato e un mancato passaggio all’Inter. Nel corso di una diretta Instagram sul profilo ufficiale della Roma, Spinazzola ha avuto modo di togliersi qualche sassolino dalla scarpa ripercorrendo proprio quegli istanti.Ecco alcune delle sue parole riportate dal Corriere dello Sport:

Quali sono state le sue impressioni la prima volta all’olimpico?

Giocare all’Olimpico mi ha sempre emozionato anche da avversario. I tifosi cantano dal primo all’ultimo minuto, si sente tutta la passione del pubblico. Il debutto è stato fantastico. Vedere tutta la curva che tifa per te e non più contro”

C’è stato, però, un momento di difficoltà coinciso con un autogol siglato contro il Genoa: che ricordi hai di quell’evento dal momento che arrivò al termine di una settimana particolare (quella del mancato passaggio all’Inter)?

Per molti ero scarso, ma mi ha dato fastidio quando mi hanno dato dello zoppo perché in realtà giocavo e correvo. C’è stato l’autogol contro il Genoa, ma da quel momento sono cambiato anche mentalmente. Nei sei mesi precedenti ero abbastanza giù, ma da quell’errore ho ritrovato me stesso”.

Che idea ti sei fatto della società Roma? I giallorossi stanno cercando di restare vicini ai tifosi anche in questi momenti difficili

Quando sono arrivato a Roma mi sono accorto subito di trovarmi in una grande società, e gli sforzi di queste settimane stanno confermando le mie impressioni“.

In questi giorni si celebra il 3-0 rifilato al Barcellona: da esterno, che ricordi hai di quella notte?


“La squadra ha fatto un miracolo sportivo. Battere 3-0 il Barcellona e ribaltare il risultato dell’andata non è da tutti. Sono notti da Champions ed è bello assistere a questi miracoli sportivi”.

  •   
  •  
  •  
  •