Retroscena Mertens: cosa lo ha spinto a restare a Napoli

Pubblicato il autore: GennaroIannelli Segui

Dries Mertens ha sorpreso tutti e nella giornata di ieri, dopo essere stato a lungo corteggiato dall’Inter, ha annunciato il proprio rinnovo biennale con il Napoli, squadra con la quale chiuderà probabilmente la carriera. Ma quali sono i motivi che hanno spinto il belga a far saltare un trasferimento che sembrava cosa fatta? La spiegazione starebbe in una proposta fatta da De Laurentiis e che riguarderebbe il futuro extracalcistico dell’attaccante.

Mertens resta a Napoli: futuro da dirigente?

Dries Mertens ha accettato, un po’ a sorpresa, il rinnovo biennale con il Napoli. Pur non essendoci ancora un annuncio ufficiale, (atteso per la prossima settimana), il belga sembra aver finalmente sciolto i propri dubbi e declinato definitivamente la corte dell’Inter. Cosa ha spinto Mertens ad operare tale scelta? In molti sostengono che Dries si senta un vero e proprio idolo, osannato dal pubblico, e che quindi non abbia voluto abbandonare la Campania per ragioni affettive. La Repubblica, però, offre un’altra ricostruzione. Secondo il giornale diretto da Maurizio Molinari, il belga sarebbe stato persuaso dalla proposta di un ruolo dirigenziale alla fine del contratto. Un’ipotesi non priva di fondamento dal momento che, già nei mesi passati, il Presidente De Laurentiis aveva espresso il desiderio di avere al suo fianco una persona come Mertens nche in futuro:

Sono affascinato dalla sua cultura calcistica. E’ una persona che vede calcio”. Aveva detto De Laurentiis che ora potrebbe essere riuscito effettivamente a convincere Mertens a restare.
Di sicuro, difficilmente il belga avrebbe potuto auspicare un simile ruolo a Milano. Nelle sue riflessioni potrebbe aver pesato il fatto di essere una bandiera idolatrata da tutto l’ambiente napoletano, mentre dalle parti della Pinetina avrebbe dovuto rimettersi nuovamente in gioco.

  •   
  •  
  •  
  •