Commisso schock:”Mister Iachini ha avuto il covid-19″

Pubblicato il autore: Demetrio Segui

Commisso schock
In questi giorni ricorre il primo anniversario di Rocco Commisso come Presidente della Fiorentina. Il numero 1 viola spegne dunque la “prima candelina” da Presidente viola. Un anno di dichiarazioni, colpi eccezionali, (vedi Ribery), e sogni in grande colorati, ovviamente di viola. L’ultima uscita di Rocco Commisso è stata, però, non positiva. Commisso schock verrebbe da dire.

Commisso schock su Iachini. Per il futuro è presto.

In diretta sui canali della società è intervenuto, in diretta dagli Usa, il patron Rocco Commisso. Le sue dichiarazioni hanno lasciato di stucco l’ambiente viola, tra i più martoriati dal covid-19. Commisso schock riguardo l’allenatore Beppe Iachini che s’iscrive alla lista dei membri viola colpiti da Covid-19, stando alle parole del Presidente:”Anche il nostro allenatore è stato malato in questi mesi, non lo sapevo, ha tutto il mio supporto.” Commisso ha, dunque, saputo in ritardo della malattia del suo tecnico che ora è guarito e s’accinge a ricominciare a guidare la propria squadra prossima, oramai, alla ripresa. Un finale di stagione impegnativo per la viola che, a causa di un andamento altalenante, non si può ancora dichiarare completamente salva e, quindi, estranea, a discorsi di lotta salvezza. Il patron Commisso è intervenuto anche in merito al futuro di Iachini e della squadra, relativamente alla stagione:”Bisogna vedere cosa succederà in questo finale di campionato, Iachini mi ha ben impressionato finora, ha fatto un buon lavoro, ma adesso a lui e ai giocatori, dico di concentrarsi sulle prossime gare, faccio gli scongiuri ma non devono esserci brutti scherzi, dobbiamo restare in Serie A, dopodichè progetteremo il rilancio per la futura stagione.” Idee chiare del patron viola. La sua squadra deve rimanere concentrata sulla permanenza in Serie A che, a meno di tracolli clamorosi nell ultima parte di stagione, dovrebbe arrivare vista la posizione di classifica e la situazione delle avversarie.

Leggi anche:  Carlo Pellegatti difende a spada tratta il Milan: "Non si tiene conto assolutamente che giochiamo mediamente con sei, sette assenti"

Commisso schock, dunque, ma anche un Commisso deciso verso il futuro.

  •   
  •  
  •  
  •