Rientro di Zaniolo, in campo con il Verona?

Pubblicato il autore: Demetrio Segui

Rientro di Zaniolo
Il rientro di Zaniolo è oramai prossimo. Il centrocampista out, per il grave infortunio, dalla sfida con la Juventus del 12 gennaio, vede vicino il rientro in campo in questo atipico finale di stagione. Una freccia in più nell’arco di Fonseca.

Visita ok, si avvicina il rientro di Zaniolo

Il giocatore, fino allo stop per infortunio, aveva contribuito alla causa giallorossa con eccellenti prestazioni, impreziosite da quattro gol, che avevano contribuito a farlo diventare un pilastro della squadra, imprescindibile. Poi quel maledetto 12 gennaio che sembrava aver messo la parola fine sulla stagione di Nicolò Zaniolo. L’interruzione dovuta al Covid ha, però, reso possibile il rientro di Zaniolo in questo finale di stagione con la Roma che sogna un posto in Champions. Come riportato da calciomercato.com, il numero 22 della società capitolina questa mattina si è sottoposto ad una visita di controllo, a Villa Stuart, che ha dato esito positivo. In virtù di questo responso il giocatore potrà ora forzare in allenamento alzando i ritmi, facendo contrasti e avendo la possibilità di partecipare alle partitelle. La tabella del recupero cerchia come data del rientro, ancora da definire se tra i convocati o in campo, il 15 luglio nella sfida dell’Olimpico contro il Verona: dall’Olimpico all’Olimpico in una corsa lunga poco più di 6 mesi. Un recupero importante quello di Zaniolo anche in vista delle Final Eight di Europa League, dove il giocatore ha contribuito alla causa giallorossa con due reti. Ma, soprattutto, il rientro di Zaniolo permette a Fonseca di avere una scelta più ampia sulla trequarti campo alle spalle di Edin Dzeko, e, perchè no, studiare soluzioni alternative che prevedono, magari, una sorta di falso nove con il gioiellino azzurro da impiegare proprio in questo ruolo atipico.

Leggi anche:  La bomba di Pedullà: "Gattuso ad un passo dalla Juventus, poi però..."

L’infortunio sembrava aver levato a Zaniolo il sogno legato all’Europeo. Ora che il Covid-19 ha, in maniera non sicuramente bella, dato una sorta di mano al giovane campione, lui non si vuole più fermare per la Roma e per la Nazionale.

  •   
  •  
  •  
  •