Roma iscrizione al campionato a rischio: ecco perché

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui

ROMA ISCRIZIONE AL CAMPIONATO A RISCHIO – Il Corriere dello Sport di oggi lancia una clamorosa indiscrezione, che potrebbe avere delle pesantissime ripercussioni su uno dei più grandi club d’Italia: per la Roma iscrizione al campionato a rischio. Le motivazioni sono, ovviamente, di natura economica, legate ad una situazione societaria terribile e con la presidenza di Pallotta che traballa, nonostante l’italoamericano non voglia lasciare la sua poltrona in favore di Friedkin.

Per la Roma iscrizione al campionato a rischio, i tifosi tremano

I soci e gli azionisti di maggioranza della società giallorossa sono molto preoccupati, dunque, e insieme a loro anche tutto il popolo romanista. Si è svolta un’assemblea societaria nella quale si sono toccati vari temi, tra i quali lo stadio e il passaggio di consegne a Friedkin, oltre che la questione dell’aumento di capitale che avrebbe dovuto operare James Pallotta (non avvenuto). Il punto che, però, fa tremare di più la società ed i tifosi è l’acquisizione dei requisiti minimi per iscriversi al campionato: affinché ciò avvenga in maniera regolare, servono una serie di garanzie economiche, ed in particolare un adeguato rapporto tra indebitamento e patrimonio del club. Attualmente però, anche a causa dell’emergenza Covid, questo rapporto non rispetta i parametri corretti per completare l’iscrizione alla prossima Serie A, nonostante il club abbia appena ottenuto la licenza Uefa. L’unico modo per risolvere il problema è riuscire ad operare una serie di plusvalenze, possibilmente anche su giocatori della Primavera per non indebolire troppo la squadra: proprio in quest’ottica, occhio alle varie operazioni di mercato con la Juventus. Serviranno poi anche le fidejussioni, ma resta un fatto evidente: per i tifosi panico e spavento, e per la Roma iscrizione al campionato a rischio.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Milan-Atalanta 0-3: rigore Atalanta e proteste Milan. Ecco la Moviola
Tags: