Ivan Juric furia contro Maresca: “Che banda che siete, senza vergogna”

Pubblicato il autore: Andrea Riva Segui


All’inizio del match di ieri sera tra Roma-Verona è successo di tutto: al 7′ l’arbitro Fabio Maresca di Napoli ha sorvolato su un intervento molto dubbio del portiere giallorosso Pau Lopez su Zaccagni e tre minuti dopo ha fischiato un calcio di rigore a favore dei padroni di casa a causa di un fallo del difensore degli scaligeri brasiliano Alan Empereur ai danni di Lorenzo Pellegrini, che dal replay non sembrava esserci anche se il VAR non ravvisava il chiaro ed evidente errore e confermava il penalty.

Ivan Juric, l’espulsione

Appena assegnato, Miguel Veloso veniva ammonito per proteste e nell’attesa che di Bello revisionava l’episodio, il tecnico croato Ivan Juric si scatenava in panchina prendendo prima il giallo per proteste e pochi secondi dopo si beccava l’espulsione per proteste reiterate  dove si sono sentite chiaramente testuali parole visto anche l’assenza di pubblico: “Che banda che siete, senza vergogna“.

Leggi anche:  Dove vedere Spal-Verona in diretta tv e in streaming, amichevole 6 agosto 2021

Ivan Juric posizionatosi poi in tribuna d’onore per seguire il resto dell’incontro, protesta vivamente anche al 26′ quando un tiro di Verre prende il braccio di Dzeko che l’arbitro considera attaccato il corpo: “Mano netta dai, vai a vedere”, aggravando l’esclamazione con una bestemmia. Ora per il tecnico, che probabilmente era ancora nervoso per la beffa di domenica sera a Firenze con il pareggio di Cutrone al ’96, potrebbe esserci una squalifica per più di una giornata.

Ivan Juric, le sue parole nel dopo partita

Anche nel primo tempo abbiamo fatto bene. Gli episodi hanno fatto la differenza. Ci mancava qualcosa in attacco per arrivare al pari o alla vittoria. I ragazzi mi sorprendono ogni giorno. Per noi è più difficile perché non possiamo fare ricambi. Sono stato cacciato perché gli ho detto che non c’era il rigore“.

  •   
  •  
  •  
  •