Juventus, la conferenza di Sarri: “Non esiste un problema fisico. Atalanta come andare dal dentista”

Pubblicato il autore: SAP Segui


All’indomani della partita dell’Allianz Stadium tra Juventus e Atalanta, Maurizio Sarri in conferenza stampa ha affrontato diverse tematiche, concentrandosi sul black out di San Siro che ha permesso ai rossoneri di recuperare e infierire sui campioni d’Italia.
Gli uomini allenati da Giampiero Gasperini non sono l’avversario migliore da affrontare dopo una sconfitta, e proprio Sarri si è soffermato sulle qualità dell’avversario:

SULLA FORZA DELL’ATALANTA
“E’ una fase importante della stagione e l’Atalanta sta facendo benissimo con numeri fantastici soprattutto in trasferta. La definizione migliore è stata quella di Guardiola, giocare contra la Dea è come andare dal dentista. Ti fa rischiare dal punto di vista tattico e fisico, è una squadra con grandi accelerazioni. Ha una capacità di strappi molto pericolosa. All’andata fecero 25 minuti a ritmo infernale, anche se penso che domani verrà fuori una partita diversa perché è un momento differente. L’Atalanta non ebbe un blocco repentino, quindi non penso che domani non riusciranno a mostrare quei ritmi, e noi non possiamo far affidamento su un loro eventuale calo fisico.”

SULLA JUVENTUS
“Se la partita contro il Milan fosse avvenuta nella fase iniziale della stagione avrei ricercato i motivi, ora la mia priorità è che incida il meno possibile, guardarsi avanti invece che indietro. Trovare continuità sarebbe un aspetto importante in questo momento che tutte le squadre hanno difficoltà di rendimento. Le partite ora subiscono sbalzi improvvisi, per questo mi piacerebbe vedere ordine.”

SULLA PANCHINA DELLA JUVENTUS
“Dybala è un talento assoluto, però credo che avremmo perso lo stesso anche con lui visto il blackout totale. Dagghy (Douglas Costa n.d.r) è un giocatore importante che può fare la differenza, senza Higuain era importante poterlo utilizzare a gara in corso. La panchina lunga della Juventus è un luogo comune, perché recentemente è stata corta. I numeri della prestazione fisica di Milano sono stati i migliori del periodo post-Covid. Ci siamo paralizzati dopo il calcio di rigore, non esiste un problema fisico.”

HIGUAIN ARRABBIATO PER IL CAMBIO
“Non ci ho fatto caso, ma non mi pare, pensava di fare 55-60 minuti e ne ha fatti anche di più, la sostituzione è stata logica, ora sta meglio anche se non è al massimo della condizione. Ha fatto una partita dignitosa, soprattutto nel primo tempo ci ha aiutato nelle uscite dalla nostra metà campo. E’ in crescita. Siamo usciti con qualche acciaccato, vedremo come staranno i ragazzi.”

SU CHIELLINI E ALEX SANDRO
“Sono situazioni diverse, Sandro ha avuto uno stop di 10 giorni e ha fatto un rientro in gruppo molto più veloce. Giorgio purtroppo ha avuto un percorso diverso, dopo mesi di rieducazione è rimasto fermo per un paio di mesi in casa e perciò ha avuto delle problematiche nel momento della ripresa. Negli ultimi 11 mesi si è allenato pochissimo in gruppo e il suo recupero è stato più lungo per forza di cose

SUL FUTURO DELLA JUVENTUS IN CHAMPIONS LEAGUE
“Non mi interessa, adesso abbiamo solo un obbiettivo che è il campionato, poi penseremo alla gara di ritorno degli ottavi di Champions League contro il Lione, per tutto il resto non dobbiamo perdere la minima energia.”

Ecco le parole di Maurizio Sarri, il tecnico della Juventus che aspetta di affrontare l’Atalanta domani sera per ribadire il primato bianconero e che avrà nuovamente a disposizione Paulo Dybala Matthijs De Ligt, assenti a San Siro per le squalifiche rimediate contro il Torino.

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Atalanta-Genoa probabili formazioni: ecco le ultimissime