Maurizio Sarri dopo Udinese-Juventus: “Abbiamo perso perché volevamo vincere. Troppi gol subiti? Ecco perché…”

Pubblicato il autore: Alessandro Nidi Segui

Doveva essere la festa scudetto della Juventus, si è tramutata nella festa per la (quasi) salvezza dell’Udinese, che alla Dacia Arena è riuscita nell’impresa di ribaltare il punteggio contro i campioni d’Italia in carica, dapprima pareggiando la rete di De Ligt con una precisa incornata dell’ex Palermo Nestorovski (ah, che dormita di Alex Sandro!), e, successivamente, operando il sorpasso nei minuti di recupero del secondo tempo, con una discesa inarrestabile di Fofana che ha ricordato quella di Bruno Peres in un Derby della Mole poi vinto in extremis dai bianconeri. 2-1 per la formazione di Gotti e tricolore ancora da agguantare per gli uomini di Maurizio Sarri, con quest’ultimo che, al termine del match, si è concesso ai microfoni di Sky Sport per analizzare cosa non ha funzionato.

Leggi anche:  Tabellone calciomercato estivo Serie A 2021 LIVE: tutti gli acquisti e le cessioni delle venti squadre

Maurizio Sarri: “Perso perché volevamo vincere”

L’ex allenatore di Napoli e Chelsea ha esordito così: “Abbiamo perso ordine, abbiamo preso il pareggio dopo aver fatto un buon primo tempo. Abbiamo cominciato a essere disordinati e abbiamo portato la partita su un binario pericoloso e poi l’abbiamo persa al novantatreesimo per volerla vincere a tutti i costi. In seguito, ha aggiunto: “In questo momento della stagione è difficile rimanere fisicamente efficienti e applicati mentalmente per 90 minuti. Le partite sono tutte strane, non hanno una logica predefinita e l’inerzia della gara cambia con una facilità incredibile. Proprio per questo dico che molto probabilmente conta di più essere ordinati che non forti tecnicamente e tutto il resto.

Maurizio Sarri: “38 gol subiti? Andate a vedere i rigori fischiati contro”

In chiusura di intervista, Maurizio Sarri ha sottolineato il peso dell’assenza di Giorgio Chiellini, capitano e leader della retroguardia della Juventus, che ha rappresentato un handicap importante per l’intera stagione (anche se Bonucci e De Ligt non l’hanno fatto rimpiangere più di tanto, eccetto alcune rare eccezioni), per concludere infine con una riflessione sulle reti incassate (38): “Ci hanno fischiato 12 rigori contro, non è un numero che solitamente subiscono le grandi squadre. Però mi sembra che sia un numero cresciuto in assoluto, non solo per noi. Forse per noi in maniera superiore agli altri, però il numero dei rigori credo sia un record”.

  •   
  •  
  •  
  •