Milan, rinnovo Pioli: oggi la firma sul nuovo contratto

Pubblicato il autore: Giacomo Morandin Segui


Il Milan e la questione rinnovo Pioli stanno per arrivare al lieto fine: il tecnico di Parma firmerà il rinnovo del contratto biennale che lo legherà ai rossoneri fino al 2022, percepirà uno stipendio da 2.3 milioni di euro a stagione con l’aggiunta di una clausola bonus di 500 mila euro in caso di qualificazione alla Champions League.

Alla Gazzetta dello Sport ha parlato l’amministratore delegato del Milan, Ivan Gazidis: “Lo abbiamo scelto perché è la persona giusta per allenare il Milan che abbiamo in mente noi. Non è solo per gli ultimi risultati o perché da qui al termine della stagione manca poco, ma soprattutto ha fatto giocare bene la squadra, in maniera divertente, verticale e moderna. E’ una persona seria e ha dimostrato professionalità, senza mettere davanti sé stesso davanti alla squadra e al progetto. Riteniamo giusto che un vero manager abbia questo comportamento, ecco perché lo abbiamo scelto”.
Puntare sul rinnovo di Pioli quindi è una scelta oculata e non affrettata, dopo che per mesi Ralf Rangnick sembrava a un passo dalla società rossonera con un progetto triennale in mano.

Leggi anche:  Calciomercato Milan, altri due acquisti in arrivo

Del rinnovo Pioli ha parlato anche il presidente del Milan, Paolo Scaroni, tramite i canali ufficiali del club rossonero: “Sono molto contento di avere Pioli sulla nostra panchina, ci ha portato un Milan divertente, giovane e così attivo nelle ultime giornate che non può che farmi piacere. Un po’ di continuità ci farà bene”. Scaroni ha poi aggiunto: “Voglio dire una cosa: quando vado in Lega mi incontro spesso con chi ha avuto Pioli come allenatore, tutti parlano bene di lui e ciò vuol dire che ha saputo costruirsi una credibilità e una stima nel mondo della Serie A. In questo periodo è stato un vero gentleman, era un periodo delicatissimo per lui e per noi“.
Riguardo il futuro societario, Scaroni chiude così: “Ora guardiamo allo stadio, un tema su cui punto moltissimo perché ritengo che il Milan debba avere uno stadio moderno ed efficiente; l’altro tema sono le sponsorizzazioni perché bisogna riportare in attivo il bilancio del club. Tre tasselli importanti, ma sapere che Pioli sarà il primo dei tre mi rasserena”.

  •   
  •  
  •  
  •