Scudetto Juventus, Leonardo Bonucci: “Idee di Sarri innovative, ma adesso…”

Pubblicato il autore: Alessandro Nidi Segui


Leonardo Bonucci
, uno dei pilastri della difesa della Juventus, è intervenuto in conferenza stampa nel ventre dell’Allianz Stadium di Torino dopo la conquista del nono scudetto consecutivo nel campionato di Serie A da parte della Vecchia Signora. L’ex Milan ha analizzato così il percorso tricolore della sua squadra: “Abbiamo trovato concorrenti agguerriti che ci hanno dato filo da torcere anche per alcuni nostri piccoli demeriti. Lazio, Inter e Atalanta ci hanno spinto ad andare a raschiare tutto, tutti quei valori che hanno i giocatori di questi rosa. La Juve con la scelta di Sarri ha voluto metter a disposizione una nuova filosofia, alle sue idee abbiamo unito la nostra capacità di voler andare fino in fondo. Nove scudetti sono qualcosa di straordinario e irripetibile, abbiamo fatto la storia di questa società e del calcio mondiale”.

Leonardo Bonucci: “Vogliamo vincere ancora. Sotto con la Champions!”

Leonardo Bonucci ha poi rivelato che non esiste il senso di appagamento dopo tutti questi trionfi: “Sono fortunato, perché faccio parte di un gruppo che ha dimostrato sul campo che nonostante i tanti campioni che hanno vinto tanto, ogni giorno c’è tutta la squadra pronta a migliorarsi e a dare il massimo. Oggi ci sono da recuperare le energie perché questo breve torneo ci ha tolto tanto a livello fisico e mentale. Godiamoci questa vittoria, festeggiamola, ricarichiamo le pile e poi ci giocheremo la gara col Lione, perché il nostro obiettivo è andare a Lisbona. Il numero 19 zebrato ha inoltre aggiunto che non aver preso gol è stato qualcosa in più, sono stato bersagliato con la Lazio per un rigore che non ha condizionato il risultato finale. Un momento ha cancellato tutti gli interventi della partita, per me le critiche sono sempre state stimolo di crescita. A 33 anni ho una voglia infinita di migliorare e vincere ancora”.

Leonardo Bonucci e la dedica a Chiellini: “È lui il capitano della Juventus!”

Infine, Leonardo Bonucci ha rivolto un pensiero a Chiellini: “Il capitano di questa squadra è e rimane Giorgio. Purtroppo quest’anno l’abbiamo avuto veramente poco. Giorgio è un leader in campo e fuori, io ho provato ad aiutare me stesso e la squadra nei momenti critici. Spero di esserci riuscito, non è facile. C’era chi ha creduto di poterci togliere il trofeo dal petto, c’era chi voleva fare un campionato a parte. È stato un anno particolare per il blocco di 3 mesi. Noi volevamo continuare a vincere, ci siamo riuniti più volte dicendoci che non volevamo farci sfuggire qualcosa anche avevamo. La dedica va ai nostri tifosi e a chi in questi mesi ci ha lasciato.

  •   
  •  
  •  
  •