Conferenza stampa Pirlo: “Higuain via, Dybala resta. Vi spiego il mio calcio”

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui


CONFERENZA STAMPA PIRLO, LE PAROLE DEL NEO-TECNICO BIANCONERO – L’addio a Sarri, i tanti nomi fatti, poi l’approdo immediato di Andrea Pirlo sulla panchina della Juve: è stato un avvicendamento strano, quello tra l’ex tecnico del Napoli e l’attuale allenatore della Signora. Preso per allenare l’Under 23, Pirlo è stato una sola settimana in carica sulla panchina della seconda squadra bianconera, per poi salire immediatamente alla guida di Ronaldo e soci: dopo il primo allenamento di ieri, oggi ha parlato per la prima volta in conferenza stampa affrontando alcuni dei temi principali intorno al futuro di questa Juve e dei suoi giocatori. Ecco le parole del Maestro.

Conferenza stampa Pirlo: “Voglio riportare l’entusiasmo che si è perso nell’ultimo periodo”

Ecco, l’entusiasmo. Perché è quello che è mancato alla squadra nell’ultima stagione, visto che la vittoria è comunque arrivata (lo Scudetto): ma si era persa completamente la voglia, la grinta, la cattiveria, ciò che Pirlo vuole riportare a Torino. “Voglio portare un po’ di entusiasmo, quel che è mancato nell’ultimo periodo. Voglio proporre un calcio propositivo, con padronanza del gioco come ho detto ieri ai ragazzi. A loro ho detto due cose: la prima è che bisogna sempre avere il pallone, la seconda è che va recuperato velocemente. Sono le prime due cose di tattica che ho detto e in cui credo, le più importanti a livello mentale da far entrare alla squadra“. Insomma, il suo credo tattico sembra chiaro: comandare il gioco. E con quali giocatori? Sicuramente con Arthur (“Ha qualità e ci sarà utile“), con CR7 (“Ci ho parlato, avremo poi tempo di parlare anche di tattica“) e soprattutto con Dybala (“Non è mai stato sul mercato, siete voi che mettere queste voci in giro. Per me è importante come gli altri, appena rientrerà, farà parte del progetto“). Liquida così, infine, la vicenda Higuain:Con Higuain ho parlato. E’ una persona che ammiro tantissimo, ha fatto un ciclo importante qui, è stato un grandissimo giocatore ma parlando con lui abbiamo deciso che le strade si devono separare. E’ stato un grandissimo campione ma i cicli finiscono“.

  •   
  •  
  •  
  •