Lazio, dalla Turchia confermano: Muriqi a un passo

Pubblicato il autore: Giacomo Morandin Segui


Qualche rumour nei giorni scorsi c’era stato, ma ora arrivano conferme anche dalla Turchia: la Lazio è seriamente interessata a Vedat Muriqi, attaccante kosovaro classe 1994 del Fenerbahce che quest’anno nella SuperLig turca ha realizzato 15 gol e 6 assist, oltre ad avere uno score di 8 reti in 23 gare con la maglia della nazionale del Kosovo.

Muriqi-Lazio vicinissimi: i dettagli

Come riportano i quotidiani del Bosforo Hurriyet, Takvim e beINSports.tr la trattativa è ben avanzata, con i biancocelesti che devono rinforzarsi per la prossima stagione nel reparto offensivo e la dirigenza ha così deciso di contattare l’agente del giocatore Haluk Canatar per portare Muriqi nella capitale.
La concorrenza è importante: in Premier League si sono mosse Tottenham, West Bromwich e Burnley, ma la Lazio ha messo sul piatto prima 15 milioni di euro (il Fenerbahce ne chiede 20) alzando l’offerta a 18 e una percentuale sulla futura rivendita oltre a un contratto triennale per il giocatore, con la società turca che sta cominciando a tentennare.

C’è un grosso punto interrogativo sulla trattativa: la squadra di Istanbul chiede di inserire anche Caicedo nella trattativa così da abbassare le proprie pretese economiche e sostituire l’eventuale addio di Muriqi con un attaccante di qualità e del calibro dell’ecuadoregno.

Già a gennaio Lotito e Tare avevano sondato la disponibilità di Muriqi, ma chiedendolo in prestito con obbligo di riscatto, incassando un “no” secco dal Fenerbahce.
Ieri proprio Canatar si è esposto pubblicamente: “Ci sono state offerte per Vedat dall’Inghilterra e soprattutto dall’Italia. Il suo futuro si deciderà entro una decina di giorni, attualmente ha un contratto fino al 2023 in Turchia, la decisione sicuramente dovrà essere presa insieme al Fenerbahce”.
La Lazio fa sul serio per Muriqi, che potrebbe fare il salto definitivo per la sua carriera ed essere una risorsa preziosissima per la squadra di Simone Inzaghi.

  •   
  •  
  •  
  •